Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINviaggio

22/11/2016
Arriva il Carmignano in memoria Ugo Contini Bonaccossi
ingrandisci ugocontvino.jpg
Sono stato proprio contento di andare alla Fattoria di Capezzana, storica realtà del Carmignano, per la presentazione del nuovo vino aziendale, L’Ugo Contini Bonaccossi.
 
Il vino è stato dedicato dai figli al padre Ugo, storica figura (quasi mitica, n.d.r.) nel mondo vitivinicolo toscano.
 
Vittorio Contini Bonacossi lo descrive come il frutto dell’ ultima vigna  piantata dal padre nel 2003 in una zona chiamata “Viticciana”.
 
ugocontini.jpgLe viti sono di cinque cloni diversi di Sangiovese, piantati a ritto chino. La particolarità è quella di avere due strade a girapoggio che interrompono i filari, strade con inclinazione verso monte, studiate dal conte Ugo in modo da recuperare l’acqua piovana e convogliarla nel fosso laterale.
 
Questo fa si che non ci sia l’ effetto dilavante e erosivo sul terreno. 
 
Nell’etichetta troneggia l’acronimo  U.C.B. (UGO CONTINI BONACOSSI), il quale è stato ricavato dall’ incisione di uno dei due bicchierini di argento che gli erano stati regalati per le nozze.
 
La prima annata prodotta è la 2013: il vino si presenta con una bella colorazione rubino carico, un bel frutto in evidenza accompagnato da fiori e spezie dolci.
caverni.jpg 
La bocca è piacevole, con una buona freschezza e struttura. Il tannino, dopo diciotto 18 mesi in barriques nuove e usate, è ancora in fase di integrazione con quello del legno.
 
Comunque un ottimo abbinamento col cervo in umido preparato dal Cuoco Patrizio Cirri. Durante il pranzo sono stati degustati altri vini aziendali, tra i quali un notevole Villa Trefiano 2012, un Carmignano di razza, dove in una beva prossima all’equilibrio si esprime con eleganza il territorio Carmignanese.
 
 
 
Autore: Bruno Caverni
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...