Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

27/11/2016
Degustazione rossi e rosati sardi: un continente da scoprire
ingrandisci sardegnavigneti.jpg
C’è solo un modo per avvicinarsi ad assaggiare i rossi e i rosati sardi, con rispetto, umiltà e attenzione. Bisogna rendersi conto di stare approcciando un mondo composto da vitigni che ben pochi esperti conoscono a menadito. Bisogna essere umili e tenere  gli occhi e le papille ben aperte, perché vitigni come Nieddera, Bovale, Terralba, Monica, Carignano formano, assieme al più conosciuto Cannonau, un “unicum” che fino ad oggi è stato esplorato solo superficialmente.
 
Noi lo abbiamo esplorato dividendolo in parte per tipologie in parte per vitigni. Da una parte abbiamo degustato i rosati, poi messo assieme tutti gli isola dei Nuraghi  IGT, poi le latre denominazioni in rosso per poi chiudere con i Cannonau.
 
Vediamoli prima a volo d’uccello e poi più approfonditamente
 
Rosati.  Categoria numericamente in crescita ma la cui qualità non riesce a raggiungere punte d’eccellenza. Sarà il clima, sarà la poca esperienza anche tecnica, ma l’impressione è che troppi vini siano “tirati via” giusto per completezza di listino.
 
Monica di Sardegna.  Conta tra i suoi campioni alcune punte d’eccellenza che ci fanno gioire per questo  vitigno poco considerato, che fa della delicatezza ed eleganza un suo punto di forza.
 
ingrandisci sardegnavini.jpgCarignano del Sulcis  ha faticato a uscire  in degustazione anche se poi alcuni vini sono risultati molto convincenti.
 
Mandrolisai,  la zona sarda con le più alte vette, per la prima volta in assaggio, è stata la vera sorpresa; qua nasce un interessantissimo  blend tra Bovale Sardo, Cannonau e Monica. Molti vini buoni e alcuni molto buoni. Una denominazione con un alto potenziale qualitativo, che  fin da adesso presenta  vini  fini ed eleganti, di altissima qualità.
 
Colli di Limbara, Terralba,  zone presenti in degustazione in quantità minime, per la quali converrà sospendere il giudizio perché poco rappresentative numericamente, nella speranza che in futuro possano crescere in numero (e qualità).
 
Isola dei Nuraghi. In questo mare magnum di vini e vitigni una sola certezza: l’accoppiata cannonau-cagnulari potrebbe essere veramente un binomio su cui puntare per uno “sbarco” sul continente.
 
Cannonau. Dobbiamo ancora capire se l’estrema diversità tra i cannonau è dovuta principalmente al terreno o al viticultore. Fatto sta che si passa da vini alcolici con tannini ruvidi e struttura da vendere  a prodotti eleganti con tannicità setosa finezze che lontanamente ricordano il pinot nero.
 
Ma adesso andiamo oltre e cerchiamo di vedere “dentro” la degustazione.
ingrandisci sardegnavigneti.jpg 
Ci hanno colpito le enormi potenzialità del territorio e dei vitigni, con cagnulari e cannonau in testa, seguiti ad una spanna da bovale e monica, mentre il carignano ci è sembrato quasi seduto su ipotetici allori. Sono vitigni eclettici, adattabili a varie tipologie di vini che purtroppo ogni tanto la mano del produttore forza verso soluzioni muscolari molto stonate.
 
In diversi casi ti sembra di degustare vini di zone fresche, che uniscono la bonomia mediterranea alla linearità e alla freschezza di un clima di montagna. Questo è molto bello e potrebbe essere veramente una carta enologica da giocare.
 
Invece sul canonnau, vitigno di riferimento, si giocano non molte carte, principalmente due: la prima è quella di riuscire ad imbrigliarlo traendone solarità equilibrata e contorni tannici giusti e non debordanti, la seconda è quella di lasciare libero sfogo alla sua forza quasi ferina, che però esplode verso note alcoliche fuori dalle righe, aromi morti prima di nascere e scarsità di maturazione fenolica.
 
Insomma, questa degustazione ci ha fatto intravedere il “mare in piena” dei rossi sardi, un mare con onde di grande bellezza, che in diversi casi si infrangono su rocce che speriamo il tempo smussi.
 
Una previsione: se i produttori sardi troveranno il modo di unirsi per crescere e migliorare assieme, la Sardegna, grazie alla sia diversità ampelografica e territoriale, potrebbe divenire una terra con vini dotati di finezza borgognona e solarità australiana.
 
Autore: Gianpaolo Giacomelli, Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon
Degustazioni

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...