Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINviaggio

28/11/2016
Enologica 2016, ovvero come (non) visitare il territorio del Pignoletto
ingrandisci pignoletto_01.jpg
Nell’ambito di Enologica, manifestazione enogastronomica che si è tenuta a Bologna sabato 19 e domenica 20, c’era anche una visita organizzata per la stampa a Monteveglio  ed un incontro col direttore del Consorzio Vini dei Colli Bolognesi, Giacomo Savorini.
 
Eravamo in 18, di cui molti esteri con tanto di accompagnatore-traduttore. Argomento dell’incontro è stato naturalmente il Pignoletto Classico dei Colli Bolognesi.
 
Lo so, lo so, magari il Pignoletto non è la vostra passione e magari lo citate per indicare un vino da poco: certo non è un Corton Charlemagne, ma anche lui ha una storia e soprattutto vuole avere un futuro.
 
La giornata purtroppo  è stata un esempio classico del clima novembrino sull’appennino  emiliano: nebbia, quella da polenta e caldarroste. Così, se si doveva fare una visita in vigna, beh, è saltata; se si doveva rimirare il territorio dall’alto, niente da fare. Solo l’ombra del profondo calanco che separa Monteveglio dalla località Pignoletto.
mappa-colli-bolognesi.jpg 
Rifugiati in trattoria (Trattoria del Borgo-Monteveglio di Valsamoggia), dopo una breve ed interessante visita all’Abbazia di Santa Maria, (pregevole esempio di Romanico del XI secolo dello scorso millennio), siamo stati intrattenuti dal direttore del consorzio e da alcuni produttori .
 
Come ci hanno raccontato, le origini del  Pignoletto risalgono molto indietro; se ne parla a  latere della guerra fra Matilde di Canossa e Enrico IV imperatore. L’assedio di Monteveglio da parte delle truppe imperiali fu un disastro:  la morte in battaglia del figlio di Enrico IV, la neve, il fango del terreno franoso, il freddo li convinsero alla ritirata. Come omaggio per la contessa uve di Pignoletto furono recate ai piedi della pietra di Bismantova.
 
I caratteri genetici del vitigno sono sostanzialmente simili al grechetto gentile.
 
La zona di produzione della DOCG è ristretta fra Pianoro, Sasso Marconi ,Zola Predosa e Montebudello; il territorio è caratterizzato da ampi e profondi calanchi di sabbie calcaree, argille, scisti, terreni metamorfici e marini, tutto molto fragile, che frana con una pioggia.
ingrandisci cristinadidomizio.jpg 
Su  questo terreno variegato e caratterizzato da microzone diverse, crescono le vigne di grechetto, pardon pignoletto. Questa è una zona che punta ad essere a forte vocazione bio, non solo nella produzione di uve e vino, ma anche di prodotti agricoli, coinvolgendo nel progetto agricoltori, ristoratori, pubbliche amministrazioni ed istituzioni come le scuole. Vedremo cosa riusciranno a fare. 
 
In trattoria ci hanno offerto un esempio di buon cibo, molto gustoso, con salumi di grande qualità, da mangiare con una crescenza coi ciccioli veramente superiore, poi Parmigiano reggiano 36 mesi e torte dolci della tradizione locale, accompagnate da un ottimo spumante, naturalmente di Pignoletto.
 
Tutto bene, ma il problema è che non ci hanno portato a visitare neanche una cantina e quanto a una degustazione commentata di varie tipologie di Pignoletto, beh, per questo c’era Enologica.
 
Che dire? Tornata a casa, sono andata a comprarmi una bottiglia di Pignoletto frizzante per consolarmi.
Autore: Cristina di Domizio
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
Giacomo Savorini
inserito il 16/12/2016

Egregio Direttore Carlo Macchi, La ringraziamo per aver accettato il nostro invito a partecipare alle iniziative dedicate al Pignoletto che abbiamo organizzato in occasione dell’ultima edizione di Enologica. La ringraziamo anche per l'attenzione che il suo sito ci ha dedicato, il 28 novembre, con l’articolo "Enologica 2016, ovvero come (non) visitare il territorio del Pignoletto” a firma Cristina Di Domizio. Proprio in riferimento all’articolo in questione, però, ci terrei, a nome di tutte le aziende che aderiscono al Consorzio che rappresento, a puntualizzare qualche aspetto: - la visita alla quale ha partecipato la sua collaboratrice è stata organizzata nell'ambito delle iniziative di Enologica, e proprio anche grazie alle sinergie e alla collaborazione con la manifestazione è stato possibile coinvolgere oltre una trentina di giornalisti tra visite ai nostri territori, pranzi, cene e degustazioni guidate. Il periodo pertanto era per noi scelta obbligata - Il tempo, sicuramente, non è stato dei migliori per poter godere del paesaggio che custodisce le vigne di Pignoletto della nostra denominazione: contro la nebbia, però, non abbiamo alcuna arma e, come ha sottolineato l’autrice dell’articolo, è "un esempio classico del clima novembrino sull’Appennino emiliano”. - L’autrice, alla fine del suo articolo, afferma: “Tutto bene, ma il problema è che non ci hanno portato a visitare neanche una cantina e quanto a una degustazione commentata di varie tipologie di Pignoletto, beh, per questo c’era Enologica”. I momenti di incontro con la stampa rientravano all’interno degli eventi organizzati in collaborazione e in contemporanea con la manifestazione Enologica, e per scelta la possibilità di incontro con i produttori e degustazione dei tanti campioni di Pignoletto, era presente all’interno della manifestazione. Non erano, volutamente, previste visite in aziende specifiche, come da programma alla base dell'invito, perché abbiamo ritenuto interessante, all’interno di un contesto come quello di “Enologica”, approfondire maggiormente gli aspetti legati alla storia e cultura del vino e del territorio. Quelli più tecnici e degustativi, potevano essere analizzati all’interno di Enologica. Diciamo, quindi, che secondo noi, partecipando all’intero programma, c’erano tutti gli elementi per poter approfondire il mondo legato al Pignoletto da molti punti di vista. In futuro, naturalmente, se Lei o qualche altro collaboratore della sua testata, volesse approfondire il mondo del Pignoletto con anche delle visite in azienda sul territorio, siamo a disposizione. Con cordialità Giacomo Savorini Consorzio Pignoletto Emilia-Romagna

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...