Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINviaggio

29/11/2016
Enologica 2016: come l’Audi!
ingrandisci enologica-2016-sito.jpg
Verrebbe da dire che a Enologica non ci si annoia mai, casomai ci si bagna. Come l’anno scorso, anche questa edizione (la terza sotto l’ombrello di Enoteca Emilia Romagna) il sabato di apertura pioveva; poco male, a Bologna ci sono portici a non finire.
 
Dentro al salone l’unica acqua che trovavi se ne stava, rassicurante e inoffensiva, dentro alle bottiglie.
Sullo scalone di Palazzo Re Enzo, prima di entrare nel salone vero e proprio valeva davvero la pena sottrarre un buon quarto d’ora agli assaggi per leggere le piantane dedicate ai burattinai e alle maschere del teatro dei burattini, il filo conduttore di questa edizione.
 
Bella la frase di apertura del catalogo, una citazione da Un Racconto sul Vino di Pier Vittorio Tondelli “non ci sarà nostalgia, ma semplicemente il desiderio di capire se stessi, di indagare….”
 
Solo che di nostalgia nel catalogo c’è ne parecchia, oltre la metà ripropone la storia di Enologica dal 2008 in poi, attraverso testimonianze e fotografie di chi vi ha lavorato.
 
ingrandisci enologica2015.jpgEnologica mi ricorda Audi: ogni nuovo modello in apparenza sembra uguale al precedente, ma i cambiamenti e le migliorie ci sono.
A mio avviso Enologica resta l’appuntamento imprescindibile per chi voglia conoscere i vini della propria regione, con oltre un centinaio di cantine, con una fortissima presenza di aziende emiliane, questa edizione ha sancito la validità del format superando le 5.000 presenze.
 
Certo, a leggere i commenti sul “socmal” per antonomasia, non sono mancate critiche, molte delle quali prive di senso.
Come sottolineare il fatto che a Novembre ci siano stati ben 4 week end di eventi vinosi. Embè? Mica li organizza il Governo!
 
Riguardo a Enologica, un operatore che vi si reca sa in anticipo i vini e le aziende che vi troverà, e dunque il lamento, pur essendo nei suoi diritti, non ha molto senso. E il produttore che partecipa sa bene che una parte del pubblico che paga 25 euro per i 3gg (20 l’anno scorso) potrebbe non avere altro interesse che fare il pieno.
Dunque non dovrebbe dolersene, bensì considerare invece le due giornate centrali come un investimento promozionale e attrezzarsi per il Lunedì preparandosi la giornata con mailing, inviti e telefonate personalizzate.
 
Anyway, come direbbe l’amico Gian Mario Villa venuto apposta da Los Angeles (relazionava su Bùrson e Rambèla).
giovannisolaroli.jpg 
Ma veniamo alle novità più sostanziali. Finalmente è stato allestito un comodo spazio per il pubblico ove mangiare e sedersi, in verità più ampio nelle dimensioni che nelle portate, ma comunque agevole.
Poi il Teatro dei Cuochi, il palcoscenico sul quale si è dipanato il racconto del grande patrimonio dei prodotti enogastronomici, dei suoi luoghi storici, dei suoi personaggi e della sue storie: tanti personaggi si sono avvicendati ai fornelli, da Massimiliano Poggi a Giovanni Cuocci, da Gianluca Gorini a Stefano e Andrea Bartolini, e tanti altri si sono esibiti nell’interpretazione di questa via Emilia gastronomica.
E’ tornato Genius Loci, la sezione delle degustazioni e degli approfondimenti sui vini dell’Emilia Romagna a cura di storici collaboratori di Enologica.
 
Notare che si accedeva al Teatro dei Cuochi e a Genius Loci aggratis, tutto compreso nel biglietto di ingresso e, udite udite, senza uscire da Palazzo Re Enzo.
 
Altra novità da registrare è la nutrita pattuglia dei giornalisti, molti dei quali stranieri che sono stati invitati ai wine tour organizzati dal Consorzio Colli Bolognesi. Qui, la mia collega Cristina che ha partecipato ad uno di questi, vi darà conto.
Ma la sensazione è che questa sia un’area suscettibile di miglioramento. Ulteriore novità è stata “Carta Canta”, un concorso che ha riscosso un enorme successo ed è stato appositamente pensato per promuovere la cultura del vino emiliano-romagnolo. Hanno partecipato tutti quei locali che hanno in carta un importante assortimento di bottiglie di vini emiliano-romagnoli. Arrivederci alle prove di Audi-Enologica, Model Year 2017.
 
Autore: Giovanni Solaroli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
Piero Valdiserra
inserito il 29/11/2016

Il benevolo reportage parla di un evento "suscettibile di miglioramento". Si tratta di un generoso eufemismo: la manifestazione, se non intraprende un robusto ripensamento, si avvia a un futuro problematico. Chi organizza farebbe bene a non cullarsi sugli allori, perché i campanelli di allarme sono ormai molti...

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...