Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

11/12/2016
Degustazione Trento Doc: tanti millesimati per un bel risultato
ingrandisci trentodoc1.jpg
Il “trittico trentino” iniziato a luglio con i bianchi , proseguito a settembre con teroldego e marzemino , si chiude con gli spumanti metodo classico, praticamente tutti Trento Doc.
 
Le bollicine trentine stanno vivendo un momento veramente positivo e sicuramente adesso sono  il prodotto trainante per questo territorio.
 
Più volte abbiamo detto che molto chardonnay di pianura vinificato fermo starebbe molto meglio dentro ai Trento Doc e anche quest’anno i risultati degli assaggi ci portano a confermarlo, ma…
 
ingrandisci trentodoc.jpgPrima del “ma” parliamo di come sono andati gli oltre cinquanta  vini che abbiamo degustato.
 
La qualità è indubbiamente alta e molti riescono ad unire assieme austera freschezza e rotondità. Non per niente ci sono tre vini con 4 stelle, ben nove con 3.5 e diciotto con 3 stelle: quindi più del 50% dei  prodotti assaggiati ha una qualità da buona a ottima ma…qui arriviamo al ma.
 
Su 55 vini degustati solo 18 erano senza annata (e alcuni di questi perché la cantina non produce millesimati per scelta), quindi abbiamo assaggiato praticamente “la crème de la crème”, che naturalmente si è rivelata di ottimo livello.
 
La nostra è stata quindi una degustazione con risultati positivi ma forse troppo sbilanciata verso l’alto per poter tastare veramente il polso alla denominazione e soprattutto per poter affermare che tanto chardonnay di pianura potrebbe entrare, senza colpo ferire, tra le basi spumanti per il Trento Doc.
ingrandisci trentinovigna2.jpg 
Torniamo un attimo ai vini e alle loro tipologie: nessuna si è praticamente aggiudicata la palma della migliore, perché i buoni  risultati sono stati equamente divisi  tra pas dosé, extra brut, brut e anche tra i rosé. La cosa che ci ha colpito di più è stata la “dolcezza” di tanti vini con bassissimo o inesistente dosaggio, a dimostrazione che questa denominazione può puntare su una maestria tecnica notevole ma soprattutto su uve di altissimo livello.
 
Del resto il territorio è talmente esteso che molte cantine stanno piantando sempre più in alto, con risultati buoni adesso ma sicuramente migliori quando i vigneti raggiungeranno “l’età della ragione”.
 
Visto che siamo vicini a Natale, oltre che consigliarvi a occhi chiusi una gran parte dei vini degustati (qua sotto troverete il link) abbiamo una richiesta per Babbo Natale: la prossima volta che assaggeremo Trento Doc, per favore, facci trovare anche tanti vini non millesimati, in modo da poter veramente parlare con cognizione di causa di questa interessantissima denominazione.
 
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon
Degustazioni

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...