Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

06/01/2017
Clos Floridčne, Graves rouge 2011
ingrandisci clos-floridene-label-500x500.jpg
Non è stata una grande vendemmia, a Bordeaux, quella del 2011, ma nelle Graves ha dato risultati migliori di quelli del Médoc e del Libournais: dei bianchi vivi , eleganti e aromatici, e dei rossi flatteurs, meglio di 2012, 2013 e in molti casi  anche 2014.
 
E’ il caso di questo Clos Floridène, il vino dell’azienda del compianto Denis Dubourdieu, “le pape des blancs”, come era chiamato a Bordeaux.
Un Graves rouge di grande equilibrio, delicato e non privo di eleganza: un vino di grande piacevolezza, floreale, con una speziatura molto fine e non invadente, morbido e fruttato.
 
15 gli ettari dedicati alle varietà a bacca rossa , per due terzi  Cabernet Sauvignon e il restante terzo Merlot, 23 gli ettari riservati ai bianchi dell’azienda, bianchi nervosi ed eleganti, adatti a un buon invecchiamento, principalmente Sémillon (56%), poi Sauvignon blanc e un tocco di Muscadelle, secondo tradizione.
 
bellelli.jpgNel vino del 2011 il Cabernet, un Cabernet fortemente “calcaire”, contribuisce per il 72% al blend, insieme a un 28% di Merlot: molto balsamico, al naso offre cassis, fragole di bosco, menta, soffi affumicati, con tannini ben temperati.
Un bel vino, di grande piacevolezza, fresco e armonico, pronto per un consumo immediato,ma  che può essere conservato, in condizioni idonee, senza preoccupazione,per altri 3-5 anni.
 
Viene da un suolo che Dubourdieu  definiva molto simile a quello di Barsac, nel quale un letto di sabbie argillose ricche di ossido diferro  ricopre il sottosuolo calcareo.
Un Bordeaux di grande accessibilità, anche per il prezzo (una quindicina di euro in Francia, forse 26-28 nelle enoteche italiane), che sta a testimoniare , al di là delle perduranti chiacchiere sul Bordeaux bashing, una grande tradizione e una perfezione stilistica difficile da trovare altrove.
 
In Italia è importato da Sarzi-Amadé.
Autore: Guglielmo Bellelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...