Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

14/12/2016
Sagrantino e Montefalco Rosso: notevole salto di qualità ma…
ingrandisci montefalco.jpg
Mai come quest’anno abbiamo toccato con mano (e con bocca) il notevole miglioramento  qualitativo del Montefalco Sagrantino e del suo “scudiero” Montefalco Rosso.  Questo lo volevamo dire subito e a chiare lettere perchè, come vedrete dai risultati delle degustazioni (cliccando sui link a fondo pagina) non solo abbiamo trovato vini che si sono avvicinati alle cinque stelle, ma una percentuale altissima (il 58% dei Sagrantino e il 61% dei Montefalco Rosso)  ha ottenuto almeno 3 stelle.
 
Sono risultati di cui siamo felici perché premiano l’impegno di un territorio piccolo per arrivare ad una crescita finalmente omogenea e non solo basata su alcuni grandi nomi.
 
Conosciamo Montefalco da tantissimi anni e abbiamo vissuto il primo grande boom della fine del millennio, la crisi della seconda metà dello scorso decennio e questa “rinascita” ci sembra basata su basi più solide e durature.
 
I numeri parlano di poco più di mille ettari vitati e di circa 3.5 milioni di bottiglie prodotte (2.1 mil. Di Rosso, 1.4 di sagrantino): siamo ancora lontani da 5 milioni di qualche anno fa, ma sicuramente i numeri attuali ci sembrano più adatti al mercato che questo vino sta (ri)costruendosi in Italia e nel mondo.
ingrandisci montefalcopalazzocomunale.jpg 
E lo sta facendo cercando di lavorare su due fronti:
 
1.Rendere elegante un vitigno riottoso come il Sagrantino.
2. Dare una caratterizzazione diversa al Sangiovese del  Montefalco Rosso.
 
Ne primo caso ci sta riuscendo ma… (qui arriviamo al “ma” del titolo) siamo ancora molto lontani da un “tranquillo” uso a tavola del vino. I migliori Sagrantino sono indubbiamente vini quasi infiniti per potenza e consistenza tannica, ma ci ricordano delle Ferrari impegnate nel traffico cittadino.
Tanti cavalli che non possono essere liberati e anzi, rendono difficoltosa e impegnativa la guida. Così un calice di sagrantino, sicuramente grande in assaggio diventa un monolite a tavola e crediamo ci sarà da lavorare ancora molto per arrivare alle finezze che, per esempio, caratterizzano un vino tannico e potente come un Barolo di Serralunga.  
ingrandisci montefalcovigne.jpgConsideriamo anche l’attenuante che le due annate maggiormente rappresentate (2011 e 2012) siano indubbiamente calde  ma la “polpa espolosiva” del sagrantino è nello stesso tempo il pregio e il limite del vitigno.
Vitigno che ci sembra anche vinificato e maturato in maniera più adatta per poter invecchiare al meglio. La dimostrazione è un paragone tra i 2012  e i Sagrantino di un’annata altrettanto calda come la 2003: quelli non si tenevano in bocca dalla invasiva presenza di alcol e tannini, questi, pur nella ridondanza del vitigno, hanno molta più linearità e coerenza. Insomma, dieci anni non sono passati invano.
 
 
Ma veniamo al secondo caso, i Montefalco Rosso: la strada intrapresa è sicuramente giusta, ma… attenti alle lusinghe del merlot, che sicuramente dà rotondità ma che altrettanto sicuramente toglie finezza e complessità al sangiovese. Troppi vini, pur buoni, si assomigliano, troppi nasi non presentano il sangiovese nella sua veste migliore, forse troppi produttori stanno puntando sul vitigno facile (ma omologato) rispetto a quello più complesso (ma caratteristico). Interessante in diversi casi  l’utilizzo della barbera, che porta ad una freschezza generale più marcata.
 
In conclusione un grazie al consorzio per averci ospitato e organizzato l’assaggio: con dei vini di questo livello come faremo a perderci la prossima anteprima?
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon
Degustazioni

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...