Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

18/12/2016
Degustazioni Franciacorta: la piacevole rivoluzione dei “senza annata”
ingrandisci franciacorta-cantina_600x398.jpg
Anche quest’anno la “Franciacortalonga” ci ha tenuti impegnati per una intera settimana!
 
Quasi 350 vini che il consorzio (a proposito, grazie mille!!)  ha raccolto a primavera, tenendoli poi stoccati per noi per farceli degustare quasi in inverno. Questo (oramai chi ci segue lo sa) per permettere ai vini di superare indenni le sboccature più recenti e degustarli ad almeno 6-7 mesi da questo evento molto  traumatico.
 
350 vini non possono essere presentati in una sola volta, quindi procederemo così: questo articolo parlerà di come sono andati gli assaggi, delle nostre considerazioni, delle nostre idee. Verrà affiancato dalla degustazione degli oltre 100 Brut (senza annata e millesimati) e dalla presentazione dei migliori prodotti della categoriai. Domani, martedì 20 dicembre, pubblicheremo i risultati generali dei Saten e degli Extra Brut, naturalmente con l’articolo-focus sui migliori e mercoledì chiuderemo con i Pas Dosé e i Rosé.
 
Quindi tre giorni di bollicine franciacortine, con consigli interessanti per le feste oramai alle porte.
 
Dopo aver degustato settanta Franciacorta per cinque giorni di fila tutti eravamo d’accordo su un punto che potremmo definire “la rivoluzione dei Senza Annata”.
Non ci viene in mente termine più adatto, perché in più di dieci anni di degustazioni non  era mai successo che i vini “base”  raccogliessero (quasi) più consensi dei millesimati. Naturalmente se andiamo a vedere la media punti i millesimati sono avanti in quasi tutte le tipologie (eccetto che nei rosé) ma quello che ci ha colpito di più è stata quella che potremmo definire come “diversità strutturale” dei non millesimati.
 
Confrontandoli  con i fratelli maggiori dotati di annata in etichetta, molto molto spesso trovavamo quasi un metodo produttivo diverso, un voler privilegiare freschezza, sapidità, croccantezza (brutto termine ma rende l’idea) rispetto a millesimati più ponderati, piacioni, mediamente più dolci, con note ossidative più spinte e con sensazioni di dosaggio più evidenti.
 
ingrandisci franciacorta-vigneti.jpgQuesto, mutatis mutandis, in tutte le tipologie e la prima domanda che ci siamo fatti a bocce ferme è stata se la forbice tra le due grandi famiglie  si sia ristretta per  merito dei S.A. o per demerito dei millesimati.
Un po’ l’uno e un po’ l’altro, perché accanto a questa “grande rivoluzione” che ha toccato le cinque tipologie ce ne sono state altre più piccole: la prima è che gli Extra Brut millesimati hanno superato mediamente per la prima volta i Pas dosé equivalenti, la seconda è che i saten in generale si sono avvicinati molto alle due categorie suddette e la terza è che i brut (entrambi) sono andati un po’ peggio degli anni scorsi.
 
Tutto questo rivoluzionamento, ci fa intravedere dei cambiamenti in Franciacorta: forse si sta puntando su vini più reattivi e dotati di sapida freschezza?
Tra i senza annata (le cui basi sono 2013-2014) questa tendenza arriva prima al mercato, mentre i millesimati, quasi tutti di annate precedenti, sono ancora impostati “all’antica” senza voler dare valenze positive o negative a questo termine.
Forse alcune annate più fresche hanno influito su questo cambiamento, ma ci sembra comunque una strada che da qualche tempo era stata imboccata, per esempio con la riduzione degli zuccheri e la sistemazione tipologica dei Saten.
 
Naturalmente guardiamo con piacere a queste “rivoluzioni”, vedendo in questo anche la voglia di tutto un territorio di svilupparsi, adeguandosi anche a quanto il mercato suggerisce.
 
L’ultima piccola rivoluzione riguarda il pinot bianco, secondo noi molto più usato che in passato specie per le cuvée base. Un ennesimo segnale che la Franciacorta, piano piano, sta cambiando.

 
Veniamo adesso a due note veloci tipologia per tipologia.
 
ingrandisci franciacorta.jpgPas Dosé.
Non millesimati eleganti, forse leggermente carenti in quanto a “ciccia”. Ben pochi hanno scelto la strada della fermentazione in legno e questo per noi è un pregio, specie per vini che devono comunque essere bevuti senza tante cerimonie. I millesimati ci hanno un po’ deluso: gli mancava profondità, forse per colpa di annate non eccezionali.  Voto alla tipologia 7.5
 
Extra Brut
Senza annata, con nasi molto più definiti e con bocche molto meno dolci che in passato, millesimati sulla stessa strada dei Pas Dosé, quindi con qualche defezione nella complessità. Voto  8
 
Saten
Non millesimati molto più freschi, sapidi, lineari, con nasi che portano verso note di frutta bianca. Qualcuno gioca ancora molto sulla paciosa rotondità, ma la tipologia è abbastanza centrata e di buon livello qualitativo. Millesimati buoni ma senza quello stacco netto che in passato li divideva dai “base”.  Voto 8.5
 
Brut
Nel grande mare dei senza annata “si naviga”  da vini più asciutti e sapidi con nasi ancora da definire perfettamente (questa è la maggioranza), a prodotti molto più elaborati, anche con legno, molto impattanti al naso e in bocca ma strani per la fascia di prezzo. Millesimati con diversi vini da rivedere, in qualche caso troppo maturi al naso, in altri con bollicine poco avvolgenti e cremose. Voto 7-
 
Rosé
Se si lascia da parte il “gioco al lotto” dei colori, compresi in una forbice molto, molto ampia, i rosati (specie i non millesimati) ci sono sembrati di livello superiore al passato. Qui gli zuccheri giocano un ruolo più importante che nelle altre tipologie, ma i vini mostrano più equilibrio e soprattutto aromaticità chiare e piacevoli. Voto 7--
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon
Degustazioni

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...