Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




GarantitoIGP

22/12/2016
Locanda Mariella: come mangiare molto bene e bere molta storia
ingrandisci mariella2.jpg
Mariella è a Fragnolo, dopo Fragno, a pochi chilometri da Calestano: sono stato chiaro?
 
Se pensate di si i casi sono due: o conoscete bene il posto o siete da ricovero, perché La Locanda Mariella è veramente alla fine del mondo.
 
Però per godere (dal punto di vista gastronomico, cosa state pensando?) come ho goduto, alla fine del mondo ci ritorno anche a piedi!!!
 
Ma procediamo con calma. Per andare dalla Mariella, che si trova a circa 40 chilometri  da Parma si può passare da una strada provinciale o prendere l’autostrada della Cisa e uscire a Fornovo: in entrambi i casi bisogna comunque salire, curvare, salire, curvare e poi ancora salire fino a che una casona gialla vi comparirà davanti.
 
Scendete, baciate la terra come il papa e preparatevi non solo ad una delle più goduriose esperienze gastronomiche della vostra vita, ma ad un excursus storico/enoico, che parafrasando  il nome di un vecchio film potrei definire “Come bevevamo”.
 
Parliamo del locale, una trattoria con arredi che vanno dal familiare al minimale, con i tavoli abbastanza distanziati e con, unica pecca, un tovagliato adatto più ad una pizzeria che ad un locale di questo livello.
Ma sorvoliamo sulla tovaglia e il tovagliolo per concentrarsi sul menù che varia a seconda delle stagioni ma ha come base la cucina emiliana/parmigiana contaminata da qualche spruzzo di Liguria.
 
ingrandisci mariella5.jpgIl primo “spritz” ligure sono le buonissime olive taggiasche marinate che arrivano immediatamente sul tavolo mentre si studia sia il menù sia la carta dei vini “finta” (tranquilli, ve lo spiego dopo cosa vuol dire).
Si ritorna così subito in Emilia con i salumi locali (culaccia e prosciutto in prima fila) , per poi tuffarcisi letteralmente dentro con gli  eccezionali cappelletti in brodo.
 
Uno dei segreti dell’impasto del cappelletto è il parmigiano, che dalla Mariella è uno stagionato di 36 mesi che già da solo resusciterebbe i morti. Molto buono anche lo spaghettone Cavalieri al polpo e abbiamo visto passare dei ravioli che hanno fatto sdilinquire i nostri vicini di tavolo.
 
Torno indietro per parlare del baccalà mantecato preso come antipasto, veramente equilibrato e appetitoso, per poi passare ai secondi dove troneggiano carni come l’agnello e il guanciale di vitello brasato. L’agnello era semplicemente un burro, morbido dentro con la giusta croccantezza esterna e saporitissimo.
 
Ci siamo fatti tentare anche da una ottima selezione di formaggi, dove comunque il migliore era il solito parmigiano di prima.
 
Siamo tentati per il caffè ma Mariella ci stoppa dicendo “Non ve lo consiglio, qua non lo facciamo tanto bene, meglio un superalcolico!”
 
E su questa frase che presenta Mariella a tutto tondo inizia la seconda parte dell’articolo. Una ristoratrice così sicura di sé, che da anni fa mangiare e bere benissimo le persone, è veramente difficile trovarla.
Come è difficilissimo trovare una carta dei vini come quella che Mariella ci ha portato in tavola alla fine “Perché se la metto subito la gente perde tempo a leggerla”. 
Così propone quella che io ho definito “finta”, ma che in realtà è una selezione mirata di bellissime etichette italiane e estere (basta leggere la decina di champagne presenti ) per capirlo.
ingrandisci mariella.jpg 
L’altra viene tirata fuori “a richiesta”, anche perché basta  a malapena una valigetta per contenerla. Quando la apri ti ritrovi proiettato nell’ultimo trentennio del vino mondiale, con etichette di ogni zona e di ogni momento enologico (vi ricordate i tanti vini iperlegnati degli anni novanta?) a prezzi incredibilmente bassi. “Quasi tutti questi vini ormai non li bevo più e così non ho nemmeno voglia di proporli.”
Ma tra quelli che “non propone” ci sono etichette introvabili, chicche enoiche che per impallinati come me valgono da sole il viaggio, specie se vendute praticamente al prezzo di acquisto di allora convertito in euro.
 
Insomma dalla Mariella, che è a Fragnolo, dopo Fragno, a pochi chilometri da Calestano,  ci si può andare per diversi motivi: per mangiare bene, per mangiare e bere bene, per mangiare bene e immergersi nella storia enoica degli ultimi 30 anni.
 
Naturalmente ci si deve andare anche per conoscere Mariella, personaggio che magari non saprà fare il caffè ma sicuramente ha una conoscenza enogastronomica praticamente infinita.
 
 
Locanda Mariella
Prezzo medio 30-35 euro vini esclusi
Aperto solo a cena escluso sabato e domenica
Località Fragnolo, 43030 CALESTANO
Telefono 052552102
Email: mariellagennari77@gmail.com
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...