Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINformo

26/12/2016
La stampa estera a portata di clic:Bourgogne Aujourd’hui, n. 132, 2016
ingrandisci bourgogneba.jpg
L’ultimo numero del 2016, che  contiene anche il supplemento dedicato ai Crémant, ha come titolo principale di copertina “La Borgogna magica”: Brice de la Morandière imprime il suo stile al Domaine Leflaive; il secondo anno di Ludivine Griveau agli Hospices di Beaune; brilla la Côte des Blancs nell’annata 2014; i terroir di Chambolle-Musigny messi a nudo.
 
Poi, ancora: la Guida agli acquisti, con le selezioni dei bianchi della Côte de Beaune del 2014, e le buone soste a Beaune.
Dopo l’editoriale di Christophe Tupinier,  si comincia con le notizie: la principale,  la Maison Champy al gruppo Advini, già proprietaria del Domaine Laroche;  quelle in breve ; poi l’intervista a Brice  de la Morandière , succeduto ad Anna Leflaive alla conduzione del famoso Domaine Leflaive, uno dei centri  storici della vitivinicoltura biodinamica. 
Di seguito , i bianchi della Côte de Beaune della felice annata 2014.  Si comincia con Puligny-Montrachet, Saint-Aubin e Chassagne-Montrachet. Il focus di questo numero è dedicato al mitico grand cru Chevalier-Montrachet. Poi, all’ombra delle star: Auxey-Duresses, Monthélie e Saint-Romain , dove “non si vende l’etichetta”, ma vini di eccellente qualità (anche in rosso) a prezzi ragionevoli .
Il servizio seguente riguarda  un’icona  della Côte de Nuits: Chambolle-Musigny, la finezza del Pinot noir borgognone. Bourgogne Aujouurd’hui  ne propone la cartografia (i climat e la carta geologica).
bellelli.jpgE’ poi la volta dei due grand cru, Le Musigny e Bonnes-Mares , e dei migliori Premier cru, a partire dal più prezioso, Les Amoureuses. Infine i villages: anche tra questi non mancano le pepite .
A seguire, un’AOC tra le meno note della Cote de Nuits, quella di Vougeot (da non confondersi con quella del Clos de Vougeot grand cru): poco più di 14 ettari, una striscia stretta tra Il Clos e Les Amoureuses,  con tre premier cru di bello spessore, anche in bianco. 
A precedere il dossier dedicato agli Hospices di Beaune, sono due articoli , dedicati rispettivamente alla Vinothèque de la Charrière a la Chaux de Fonds, nel Jura svizzero, e alla incredibile collezione (4.000) di libri antichi e rari sul  vino raccolti da Dany Pochon .
Eccoci dunque a Beaune, ai suoi famosi Hospices, dove si è realizzato un matrimonio a tre, tra gli stessi Hospices, con Jasper Morris , Beaune per la Casa d’aste Christie’s e  James Thomson, albergatore-ristoratore scozzese , grande acquirente , dalla fine degli anni ’90, dei vini degli Hospices .
Poi Christophe Tupinier presenta le novità degli Hospices, con una intervista alla nuova reggitrice, Ludivine Griveau. A seguire, le foto storiche  di documenti preziosi, come la bolla papale del 1460 di conferma del regolamento dell’Hotel Dieu elaborato da Nicolas Rolin. Si conclude con la gastronomia a Beaune, con i nuovi indirizzi, dai ristoranti ai cavistes  alle nuove boutiques del cibo.
 
Nel supplemento, dedicato ai Crémant , non solo Borgogna. Da leggere: una degustazione di rosé , le selezioni dei migliori crémant francesi, dall’Alsazia alla Loira (e naturalmente della Borgogna), la gastronomia , con i crémant alla prova con i profumi d’autunno (c’è anche la selvaggina).
Autore: Guglielmo Bellelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...