Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

26/12/2016
Degustazione Amarone: il ritorno della volatile
ingrandisci uvaamarone.jpg
Tra poco più di un mese ci sarà l’anteprima dell’Amarone 2013 e della 2012 si è detto oramai tanto. Per questo noi, arrivando volutamente ultimi parleremo ben poco di questa vendemmia sicuramente calda e difficile per toccare altri temi che il nostro assaggio al consorzio (che ringraziamo) di oltre 60 amarone ha proposto.
 
La prima cosa che sottolineiamo è la “diaspora” delle annate: pare che la presentazione dell’annata (nel nostro caso la 2012) a gennaio sia solo un bel pretesto per far parlare i giornalisti perché  poi, alla resa dei conti accade che, chiedendo di assaggiare l’annata in commercio, ti arrivano:
 
3 amarone del 2013 (non messi in classifica)
15 amarone del 2012
14 amarone del 2011
ingrandisci amarone_uva.jpg14 amarone del 2010
15 amarone (in buona parte riserva)  di annate tra il 2009 e il 2006.
 
Quindi è impossibile fare un quadro esaustivo del 2012, ma forse è giusto così  perché la seconda cosa che vogliamo sottolineare è che per bere un amarone che si esprima un minimo occorre attendere almeno 6-7 anni.

Noi giornalisti lo possiamo e dobbiamo fare, ma nello stesso tempo abbiamo il dovere di consigliare a tutti di “attendere, attendere, attendere” possibilmente attorno ai 10 anni prima di aprire una bottiglia.
 
Questo per un mix di fattori: da una parte il residuo zuccherino, dall’altra la concentrazione (zucchero a parte) delle uve e alla fine l’uso non certo parsimonioso del legno che più che invecchiare in diversi casi imbalsama il vino. Bere un buon numero degli amaroni in commercio all’uscita sul mercato è come portare all’altare una formosa ragazzina di dodici anni. Fate voi…
ingrandisci amrone09039.jpg 
Questo anche se, nei nostri assaggi, abbiamo notato vini leggermente meno spinti e concentrati, più giocati sull’eleganza e meno sull’estratto secco e, in qualche caso, addirittura con la volatile che si faceva chiaramente spazio.
Ciò per noi è un grande pregio per due motivi, sentimentale e tecnico. Nel primo caso ci riporta ad alcuni grandi amarone degli anni 70/80 che abbiamo avuto la fortuna di degustare, nel secondo caso crediamo fermamente che in vini di grande struttura e importanza come l’amarone, una volatile alta (anche di 0.90) serva a dare complessità e profondità agli aromi senza portare nessun problema secondario. Non per niente tanti amaroni con volatili “modernamente” controllate a 0.40/0.50 riescono con difficoltà ad esprimere i loro profumi.
 
Veniamo alla qualità media dei vini assaggiati che, come vedrete cliccando qui , è molto alta. Questo non tanto per i vini top, ma per una lunga serie di buoni prodotti con almeno tre stelle che arrivano al 60% dei vini degustati. La cifra sale a 80% se ci mettiamo anche i vini con 2.5 stelle: considerando la nostra naturale tirchieria ci porta ad affermare che oramai la media qualitativa degli amarone in commercio e veramente molto alta, come è però alto il “rischio” di non goderseli se bevuti da giovani.
 
Vi diamo un’anticipazione, dato che nel fine settimana dell’Anteprima Amarone 2013 noi di Winesurf saremo impegnati nella nostra riunione annuale, abbiamo deciso di mandarci “il ragazzo di bottega”, un  giovane con tanta passione che sicuramente si farà conoscere: Francesco Falcone.
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon
Degustazioni

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...