Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

28/12/2016
Degustazione Valpolicella Superiore e Ripasso: scordiamoci il 2014!
ingrandisci pioggia.jpg
Al contrario che nella degustazione dell’amarone,   di Valpolicella Superiore e Ripasso abbiamo ricevuto molti vini dell’ultima annata in commercio e quindi possiamo tracciarne un quadro abbastanza realistico.
Purtroppo quest’annata si chiama 2014 e quello che si pensava è avvenuto: la mancanza di corpo e di equilibrio è una delle caratteristiche in cui ci siamo scontrati, affiancata da una tannicità amarognolo che anche qualche grammo di zucchero residuo non riusciva ad attenuare.
E’ difficile indorare questa pillola e quindi speriamo solo che vendemmie come la 2014 non ricapitino più.
Naturalmente qualche buon vino, sia Superiore che Superiore Ripasso, c’è ma si contano sulle dita di una mano: per il resto…parliamo dei 2013.
ingrandisci valpolicella.jpg 
Anche qui l’annata non è stata spettacolare, ma niente in confronto al 2014: i vini hanno mostrato un corpo medio di buon livello, nasi più espressi e, specie nei Ripasso, una maggiore rotondità e piacevolezza.
Tra l’altro ci è sembrato di vedere un’abbastanza netta inversione di tendenza nell’utilizzo del legno, molto mitigato rispetto al recente passato.
Forse sarà stato anche  “merito” di due vendemmie dove il legno andava dosato col misurino, ma il fatto che i produttori se ne siano accorti e abbiano agito di conseguenza è comunque un segnale positivo.
Quindi chi beveva Ripasso o Superiore perché li trovava “quasi amaroni” si troverà spaesato, mentre chi cercava in questi vini un po’ di eleganza sarà senza dubbio felice di come i produttori abbiano interpretato queste due vendemmie.
ingrandisci amarone_uva.jpg 
A proposito di simil amarone: se la media qualitativa degli amarone è molto alta, quella di queste due tipologia è lontana dall’esserlo. A parte cinque vini (il 7.50% del totale, non è poco) scartati perché con chiari problemi, ci sono troppi vini (circa 20, pari quasi al 29% dei degustati) con punteggi veramente bassi.
Questo non è certo un bel biglietto da visita per tipologie importanti e con una delle due (il ripasso) in continua crescita. Capiamo che fare ripasso non è facile, ma non lo ha ordinato il medico e soprattutto oggi in cantina la tecnica e la tecnologia dovrebbero dare garanzie quasi totali.
Insomma, una maggiore attenzione a questi “secondi vini” non guasterebbe, sempre in attesa che ritorni in auge il tanto (da noi) amato Valpolicella, vino fresco, piacevole, profumato che non può non piacere.
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon
Degustazioni

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...