Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINformo

03/01/2017
Cinque anni fa moriva Giulio Gambelli
ingrandisci gambelli.jpg
Cinque anni fa, il 3 gennaio 2012, ci lasciava Giulio Gambelli.
Ogni tanto (abbastanza spesso per la verità) mi piace ricordarlo e sono quasi sempre bei ricordi. Gli unici negativi riguardano i primi tempi dopo la morte, quando ci fu la corsa a salire sul carro del vino gambelliano, anche da parte di chi faceva e produceva vini in maniera opposta.
 
Per fortuna dopo un po’ di tempo la “moda” del vino gambelliano si è placata, trasformandosi in quello che era ed è sempre stato: una serie di azioni semplici e lineari, rispettose, che portavano a fare dei vini non solo buoni ma profondamente veri.
 
Del resto sarebbe stato Giulio il primo a voler poco scalpore attorno al suo nome, sminuendo i suoi meriti con una scrollata di spalle o con un’occhiata che valeva più di mille discorsi.
 
Quindi anche queste poche parole non saranno una commemorazione ma solo un modo per ricordare cosa e quanto è stato fatto per ricordare nella giusta maniera Giulio Gambelli.
ingrandisci lapidegiuliogambelli.jpg 
Per prima cosa il Premio Nazionale Giulio Gambelli che, giunto alla quinta edizione, è diventato un punto fisso nel panorama nazionale, nonché l’unico che premia i giovani enologi. Tra pochi giorni ci saranno gli assaggi per decretare il quinto vincitore, che verrà premiato durante le anteprime toscane.
 
Accanto al premio c’’è stato finalmente il riconoscimento ufficiale del personaggio, con la promessa da parte della Regione Toscana del conferimento del Gonfalone d’Argento.
 
Ma forse la cosa più bella, quella che sicuramente sarebbe piaciuta di più a Giulio, è che la sua memoria è viva, affettuosamente viva in tante persone. Persone che non lo sbandierano a destra e a manca ma che conservano con tenerezza ricordi dei momenti passati con quest’uomo schivo e mite, talmente educato da aver trasformato un "ragazzaccio maleducato” come il sangiovese toscano in qualcosa di elegante è rigoroso.  
 
Io sono stato fortunato ad averlo conosciuto, questo è il ricordo a cui tengo di più.
 
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 4
Francesco Sarri
inserito il 03/01/2017

Lode a te che ogni anno ricordi con semplici ma affettuosissime parole Giulio Gambelli, la cui figura umana e professionale non sarà mai dimenticata. Lode anche a chi ha ideato la targa, parole migliori non sarebbero state possibili

Stefano Cinelli Colombini
inserito il 04/01/2017

Il "ragazzo di bottega" di Tancredi Biondi Santi è stato un grande del Sangiovese di Toscana, un uomo generoso e coerente nella sua assoluta semplicità. Ricordo le sue visite in cantina (era un'iniziativa intelligente del Consorzio del Brunello) e le sue osservazioni sempre precise, e sempre discrete. Una grande persona, oltre che un grande tecnico.

Stefano Cinelli Colombini
inserito il 04/01/2017

PS caro Carlo, lui non ha trasformato proprio nulla e, da quella persona modesta e sincera che era, sarebbe il primo a fartelo notare. Per lui il Sangiovese andava vinificato e affinato con modalità che non ne deviassero la natura, come da sempre alcuni facevano e dopo il suo esempio molti di più. Può sembrare poco, ma è moltissimo.

Carlo Macchi
inserito il 04/01/2017

Infatti Stefano non ho detto che lui trasformava, ho detto che la moda di fare vino gambelliano si era trasformata. Non mi riferivo al modo di fare vino ma al modo inteso da altri di fare vino.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...