Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

06/01/2017
Barolo 2012: annata difficile ma tanto di cappello!
ingrandisci baroloperigpjpg.jpg
E finalmente siamo arrivati a parlare di Barolo 2012! Quasi cinquecento tra assaggi e riassaggi  per farsi un quadro crediamo abbastanza esaustivo di una vendemmia non certo “del secolo” ma sicuramente con caratteristiche molto interessanti.
 
Saltiamo al volo il fatto di essere arrivati ultimissimi a commentarli, fatto che abbiamo già spiegato qui e diamo due veloci cenni sull’annata 2012, vendemmia tra le più calde del nuovo secolo, non calda solo in un mese ma praticamente da maggio a settembre. I nebbioli, se hanno resistito, hanno avuto un mesetto buono prima della vendemmia per “rimettersi in sesto” ma sicuramente alcuni squilibri agronomici ci sono stati.
 
A maggio per Nebbiolo Prima, dopo la prma tornata di 2012 avevamo detto che “annata piuttosto calda, irregolare, ancora in parte incomprensibile specialmente al naso. I produttori dicono che è stata più siccitosa che calda, ma alla fine dei salmi il risultato è da annata calda, con nasi che vanno dal quasi muto all’ abbastanza maturo, tannini ruvidini e soprattutto mancanza di profondità gustativa.”
 
Se si considerava anche il risultato non certo eclatante lo scorso anno dei barbaresco 2012, non si prospettava certo una vendemmia da far sfilare sul red carpet e invece questi “reds” hanno mostrato molta più finezza e complessità di quanto si potesse immaginare.
ingrandisci barololamorracoperti.jpg 
Qui voglio forse inimicarmi  tutti i miei  amici produttori di barbaresco, ma tra le due denominazioni non si può non vedere un cambio di marcia netto, specie in annate difficili. Considerando che molti produttori di barolo fanno anche barbaresco mi verrebbe da considerare la diversità solo dal vigneto, ma capisco quanto questo possa essere riduttivo e parziale.  Perciò immagino (qui le certezze non ci sono) che il barolo, grazie ad un anno in più e grazie soprattutto al fatto di aver preso per primo, in passato,  il toro enologico per le corna (last but not least la diatriba tra modernisti e tradizionalisti, adesso sterile ma allora foriera di belle discussioni) abbia oggi una maggiore comprensione e conoscenza sia di quanto si porta in cantina sia di come trattarlo.
 
Secondo me una delle differenze provenienti dal passato è che il barolo ha sempre avuto discussioni “sul” vigneto prima del barbaresco e oggi riesce a reagire meglio alle varie difficoltà climatiche (aspetto il 2014 per confermarlo…).
 
Insomma, uno scalino qualitativo così chiaro e netto non riesco a spiegarlo in altro modo: forse sbaglierò e quindi aspetto e accetto ben volentieri pareri discordanti.
 
Come, alla fine dei salmi, sono rimasto sorpreso dai quasi cinquanta vini ( sul 311, più del 15%) che sono arrivati almeno a 3.5 stelle.
ingrandisci barolo.jpeg Un numero così alto di barolo con alti punteggi non solo non c’era mai stato anche e soprattutto percentualmente, ma viene fuori proprio in un’annata difficile. Questo forse vorrà dire che l’annata è stata difficile ma ben interpretata, ha sfornato vini abbastanza pronti sin da subito e senza avere una marca di legno esagerata (nella media, naturalmente).
 
Insomma, i barolo 2012 sono vini forse con dei tannini un po’ ruvidi, forse non invecchieranno per secoli (diciamo una media di 20 anni) ma sicuramente hanno bocche di bella pienezza con buona profondità e nasi magari con una nota alcolica lievemente sovradimensionata, ma che comunque soddisfanno per complessità, nettezza e per possbilità di abbinamento.
 
Se i grandi produttori si vedono nelle piccole annate allora le grandi denominazioni si capiscono e si valutano in vendemmie come il 2012.
Per questo faccio tanto di cappello ai barolisti e ai loro vini.
 
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon
Degustazioni

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...