Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

15/01/2017
Puglia. Degustazione Primitivo; panorama assai variegato
ingrandisci primitivo.jpg
E’ innegabile che la Puglia, specie all’estero, si identifica sempre più con il Primitivo. Lo dimostra il fatto che ormai tutte le aziende hanno nel loro portafoglio questo vino anche se sono “fuori zona” e il vino viene prodotto sotto la denominazione geografica Puglia o Salento.
 
Il panorama è quanto mai variegato e sotto il generico nome di Primitivo trovano spazio sia DOC specifiche come Manduria e Gioia del Colle sia  altre molto più “generiche”.
ingrandisci primitivouva.jpgSe la semplificazione facilita per certi versi la sua commercializzazione non si possono non cogliere le differenze che esistono e che in un  mercato maturo devono fare la differenza. Le nostre degustazioni, pur in assenza di alcuni produttori importanti come Fino, Chiaromonte e Morella che evidentemente amano giocare in un altro campionato, sottolineano questa diversità in modo molto evidente, come si potrà capire anche dai punteggi assegnati ai vini.
 
Manduria sembra segnare il passo con i soliti nomi alla ribalta. Piccoli produttori crescono ma troppo piccoli per avere un peso sia pur minimo sul mercato, quindi siamo alla pura testimonianza anche se a volte di grande qualità. Per il resto un copione già visto con approcci di tipo “internazionale” che snaturano spesso la specificità del vitigno. Situazione non facile, resa ancora più difficile dalle certo non entusiasmanti più recenti annate.
 
ingrandisci alberellogioia.jpgGioia del Colle invece mostra in questo momento una media qualitativa molto alta. I produttori sembrano avere trovato la quadra ed anche in annate non facili riescono a fare buonissima qualità,anche dovuta al fatto che essendo in altura la vendemmia è posticipata rispetto a Manduria. Il territorio s’impone quindi  con una serie di produttori che pur  interpretando  il vitigno ognuno con il proprio stile, si caratterizzano  tutti  per un'aderenza al vitigno veramente esemplare.
 
Salento e Puglia.  Sono tantissimi ad avvalersi di queste due indicazioni geografiche. Tra i Primitivo sono  sicuramente  i meno estremi, ma non per questo meno interessanti. Sempre giocati sul frutto ma meno esuberanti dei loro cugini manduriani e gioiesi, più equilibrati  nella dolcezza e di buona freschezza. Questo li rende molto più bevibili e spiega il loro successo senza però raggiungere livelli altissimi.
C’è ancora tanto da fare.
Autore: Guglielmo Bellelli e Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon
Degustazioni

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...