Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

19/01/2017
Puglia: degustazione altre uve e uvaggi.Venghino al supermarket del vino!
ingrandisci supermarket_reparto_vini.jpg
Non v’è varietà che non trovi in Puglia una sua coltivazione, non a caso  viene considerata il “supermarket del vino”.
 
Questa propensione a piantare quello che il mercato di volta in volta richiedeva, sembra oggi attenuata, anche se nel regno dello “sfuso” la Puglia continua ad avere un suo determinante peso nel mercato nazionale.
 
ingrandisci susumaniello-grappolo.jpgFortuna che ci sono le Indicazioni Geografiche, viene da dire, altrimenti queste produzioni, alcune anche di buon livello, sarebbero condannate a scomparire nell’anonimato delle cisterne. Ecco quindi un panorama quanto mai variegato,  che spazia dal Sangiovese a Montepulciano, passando per Lambrusco Maestri, ma che per quanto riguarda l’uso degli “internazionali” sembra essersi accentrato fondamentalmente sulle varietà Syrah e Cabernet ed anche se in minor misura sul Merlot e questo solo per parlare dei rossi.
 
Nero di Troia, Montepulciano e Bombino Bianco è l’uvaggio della denominazione Cacc’ e Mmitte che mostra un potenziale ancora parzialmente inespresso.
Una DOC che rischiava l’oblio ma che una schiera di produttori ha fatto decisamente bene a rivalutare, visto anche i positivi risultati raggiunti.
 
ingrandisci malvasia-nera-265-1-1.jpgDiscorso diverso per il Susumaniello, il rodaggio è finito da un pezzo ed ormai questo vitigno può decisamente essere annoverato tra le certezze regionali. Un vitigno particolare che il cambiamento climatico ha decisamente favorito, annata 2014 a parte, come ammette Riccardo Cotarella. “Una ricchezza che si può individuare nella capacità di portare a maturazione i propri polifenoli parallelamente agli zuccheri, un insieme che a causa del cambiamento climatico degli ultimi anni non succede con le altre uve che raggiungono facilmente la maturazione tecnologica ma non necessariamente quella fenolica”.
 
Tutto si può dire tranne che non abbia ragione anche se terreni, conduzioni degli impianti e stile enologico ovviamente fanno la differenza. Risultati positivi quindi per quest’altra uva che rischiava di andar persa.
 
Per quanto riguarda  le altre varietà minori  buon risultato per  la Malvasia Nera. Più frequentemente usata in uvaggio con il Negroamaro, nelle versioni monovarietali mostra vinosa fruttuosità , corpo e lieve sapidità. Un potenziale tutto da valorizzare ed una carta in più a disposizione dei vignaioli, ma ancora troppo poche le sue realizzazioni per annoverarla tra le certezze.
 
Autore: Pasquale Porcelli e Guglielmo Bellelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon
Degustazioni

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...