Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINteressa

24/01/2017
Il depliant aziendale è veramente utile?
ingrandisci sorpresadepliant.jpg
Una delle ultime chicche è questa: "Il continuo controllo della fermentazione e lo stoccaggio dei vini in serbatoi termocondizionati danno vini sempre giovani e freschi".
 
Era in uno dei mille depliant di azienda vinicola che mi capitano in mano e che nella stragrande maggioranza dei casi mi fanno nascere la stessa domanda  “Perché?”
Perché li fanno, perché li fanno così, senza attenzione, perché spesso e volentieri li fanno brutti, ridondanti o semplicemente inutili?
 
All’interno di queste vastissime categorie si trovano poi le chicche.
 
Quello che con il suo bianco consiglia di abbinarci “Antipasti sfiziosi, primi leggeri o strutturati, pesce, verdure, carni bianche e rosse e anche formaggi” creando così il primo vino abbinabile praticamente a tutto.
ingrandisci uomo-solo-triste.jpgPoi c’è la cantina sociale in vena poetica che nella retro spiega che “dove il fiume si fa liquido tarlo dei monti e rotola verso valle” più o meno da quelle parti nascono i loro vini.
 
Aldilà delle chicche resta però il “problema depliant”. In quasi 30 anni di onorata carriera non sono ancora riuscito a spiegarmi a cosa serva, se non a spendere soldi. Per avere l’indirizzo dell’azienda basta un biglietto da visita e ormai in tempi di internet imperante si fa prima a cliccare sul computer che a cercare lumi su un costoso libercolo o pieghevole, spesso con tante frasi fatte e pochi dati utilizzabili.
 
Spesso le frasi fatte sono anche scritte male e si arriva così alle “chicche” di cui sopra.
 
Insomma, anche se io  non capisco a cosa, forse se si continuano a fare a qualcosa servono.
Il consiglio è allora di farseli fare da chi li sa fare: come dice una mia cara amica PR “Se pensate che un professionista vi costerà troppo, figuratevi quanto potrà costarvi un dilettante!”
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...