Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINstoranti

26/01/2017
Velavevodetto che il Velavevodetto a Roma...
ingrandisci flavio.jpg
Siamo nel quartiere Prati di Roma e il ristorante di Flavio è tra i più caratteristici nella pur vasta proposta capitolina di osterie con cucina tipica.
 
L’ingresso non è di sicuro sfavillante, anzi quasi nascosto, ma l’interno è accogliente e arredato con semplicità e buon gusto. Flavio è da 10 anni lo chef  che ogni mattina arriva presto si chiude in cucina e prepara le paste, che sono tutte fatte a mano, mentre la verdura è rigorosamente di stagione, spesso proveniente dall’orto di proprietà a Cerveteri.
 
Il menu presenta tante proposte non certo dietetiche, ma di sicuro piacere.
 
Tra gli antipasti i carciofi alla giudia, l’insalata di nervetti e la porchetta, tra i primi le specialità locali sono ben rappresentate da amatriciana, gricia e carbonara.
 
I tonnarelli cacio e pepe mi dicono essere tra i migliori di Roma e quindi non potevo far finta di niente. La porzione è di quelle che va bene per pranzo, cena e pranzo di domani, ma non mi è stato possibile lasciare niente perché erano davvero buonissimi. Cremoso e abbondante il condimento di cacio e sopra grattugiata una dose perfetta di parmigiano. Il pepe è un misto di varie tipologie, com’è ovvio rigorosamente segrete, ma il risultato è ben bilanciato, saporito senza essere troppo invadente.
 
ingrandisci flaviotonnarelli.jpgTra i primi non prettamente tradizionali tante proposte interessanti e qualche piatto d’obbligo in tutti i menu (tipo risotto) e qualche primo di pesce. 
 
Tanti i secondi: il mio “compagno di merende”, che aveva scelto il locale ed è uno dei migliori giornalisti italiani di enogastronomia, mi ha positivamente sorpreso prendendo le polpette. Sappiamo bene che se il locale non è una garanzia sono l’ultimo piatto da ordinare.
 
Altre proposte interessanti i classicissimi coda alla vaccinara e abbacchio alla cacciatora o al forno. E ancora trippa e baccalà, solo per citare ancora piatti legati alla tradizione.
Tra i contorni ho scelto la cicoriona ripassata, giustamente amara e saporita come solo la verdura fresca può essere, mentre l’altro commensale ha preso le puntarelle in salsa di alici che facevano proprio gola, pur essendo le alici tra le poche cose che non amo.
 
Purtroppo eravamo a pranzo ed entrambi con un pomeriggio di lavoro davanti, ma se avessi seguito la gola mi sarebbe piaciuto assaggiare un numero di piatti scandaloso, molti dei quali mi sono passati sotto il naso raggiungendo altri tavoli.
 
In due, vino escluso perché ci è stato gentilmente offerto, più ovviamente acqua e caffè: 38 €.
 
ingrandisci maddalena.pngUn altro locale da tenere ben presente, un ottimo riferimento su Roma.
 
 
Flavio al Velavevodetto

Via di Monte Testaccio, 97, Roma
Orari: 12:30–15, 19:30–23:30
Telefono: 06 5744194


Autore: Maddalena Mazzeschi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
Giovanni
inserito il 26/01/2017

Maddalena, il "Flavio" dove hai mangiato non è nel quartiere di Testaccio ... a Prati c'è il fratello minore ... alla fine, dovre avrai mangiato ? Saluti.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...

16/03/2017

Export vino italiano nel 2016: ottime notizie…o no?

Arrivano i dati dall’Osservatorio del Vino  sull’export italiano del 2016 e subito giù titoli ...