Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINteressa

03/02/2017
Ho scoperto quanto costa diventare blogger (non solo del food): 300 Euro!
ingrandisci blogger.jpg
Ho letto e riletto perché non ci credevo. Mi sono fatto anche un pizzicotto per dimostrare a me stesso che non stavo sognando.
 
Su Facebook  gira questa proposta pubblicitaria “Diventa blogger e inventati un lavoro autonomo e gratificante. Solo questo mese un sito o un blog a SOLI €399,00. Per i meno esperti, offriamo anche un corso di blogger, in promozione. Il tutto a 699€.”
 
Dopo aver  letto mi sono venute in mente tante cose, tante domande, che riporto più o meno nello stesso ordine non cercando di dare sempre una risposta perché sono convinto che in molti casi non esista una risposta o se esiste non la voglio sentire.
 
Quindi fare il blogger è un lavoro?
 
Quindi fare il blogger di lavoro (che  è differente da farlo per divertimento) vuol dire avere un sito e scrivere.  Ma di cosa? Cibo, vino, gnocca, politica, automobili, marziani?
 
Chi ti paga per quello che scrivi, cioè per il lavoro che fai?
 
Chi ti insegna a fare il lavoro di blogger? A questa domanda in verità c’è la risposta: basta investire 300 €, fare il corso e si saprà tutto.
 
La domanda delle domande è però “Se X deve pagarti per quello che scrivi, vorrà che tu scriva quello che pare a lui, quindi fare il blogger, quel lavoro “autonomo e gratificante” in realtà è fare marchette?
 
E devi anche spendere 300 € (in promozione) per imparare a fare marchette?
 
Ma se tutti i blogger, per vivere,  scriveranno quello che altri gli chiedono di scrivere (alias fare marchette), alla fine nessuna cosa scritta avrà valore.
 
Non mi ricordo chi diceva che se non fosse tragico sarebbe comico.
 
Forse la cosa peggiore è che nella pubblicità non si specifica che blogger sarai, di cosa scriverai. Tutto fa brodo, tutto andrà bene per questo “lavoro autonomo e gratificante”.
 
Ditemi che è uno scherzo, vi prego.
 
Sono il primo a dire che essere iscritto  all’albo di giornalista non è certo una garanzia, ma almeno certifica che hai fatto un certo percorso  e probabilmente hai anche studiato qualcosa.
 
Riditemi che è uno scherzo, vi prego.

Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
stefano tesi
inserito il 04/02/2017

di che ti meravigli? il blog oggi è come una volta scrivere sui muri: ci trovavi dai capolavori letterari agli insulti più volgari. la differenza è che ora, con una scritta sola, raggiungi in un colpo solo milioni di persone. ti chiedi che lavoro è? so che non è bello autocitarsi, ma leggiti qui sotto: sarà illuminante. http://www.alta-fedelta.info/wp-admin/post.php?post=3060&action=edit

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...