Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINteressa

05/02/2017
La donna nel mondo del vino
ingrandisci donne-tra-famiglia-e-lavoro.jpg
L’Associazione Nazionale Donne del Vino ha realizzato un’indagine-sondaggio per comprendere le caratteristiche della presenza al femminile nel mondo del vino, ambito ancora contraddistinto da una presenza maschile preponderante se pur molto meno esclusiva che in passato.
 
Leggere i risultati mi ha molto incuriosita,  visto che quando nel 1984, appena ventenne, ho iniziato a lavorare in questo settore, detenevo  un doppio primato: ero la più giovane e spesso anche l’unica donna presente in tutti i contesti sia tecnici che promozionali.
 
In tre decenni la situazione è decisamente cambiata da entrambi i punti di vista, ma stranamente, almeno da quanto risulta dal sondaggio, non pare essere molto variata, specie per quanto riguarda un non troppo velato “sessismo” che sembra ancora imperare.
ingrandisci donne_vino.jpg 
Come in quasi tutti i settori produttivi in Italia, la presenza delle donne è andata crescendo numericamente in modo esponenziale, ma non sembra esserlo altrettanto in quanto a raggiunta credibilità professionale, a uguali compensi rispetto agli uomini, a identiche possibilità di carriera e non solo allorquando decidono di avere figli con la conseguenza che questi arrivano in età relativamente avanzata.
 
Mi ritrovo pienamente nelle affermazioni della maggior parte delle intervistate (produttrici, enotecarie, sommelier, giornaliste, PR e anche consumatrici) che in sostanza dicono di faticare a far apprezzare le proprie capacità professionali che troppo spesso gli uomini pensano siano legate a prestazioni di vario genere piuttosto che ad una reale conoscenza del proprio lavoro.
A quante fiere e manifestazioni mi è stato chiesto dove fosse il direttore o una persona che sapesse rispondere a domande di tipo tecnico.
Le donne debbono sempre essere molto più preparate degli uomini per sperare di godere di analoga credibilità. E questo nonostante un livello di formazione scolastica mediamente piuttosto alto (43% di lauree di cui il 15% anche con un diploma post laurea delle produttrici, fino a raggiungere il 75% di laureate o con laurea post universitaria nel caso di enotecarie e sommelier).
ingrandisci maddalena.png 
Non sorprende quindi che, come fa presente il sondaggio, uno degli atteggiamenti che spesso finiscono con l’adottare sia quello di “conformarsi a comportamenti professionali e sociali maschili”.
Così nell’abbigliamento, spesso non solo in cantina dove è necessario, tendono ad evitare l’uso di tacchi alti e tailleur quasi che essere elegante voglia dire non capire niente di vino. Essere fuori casa per lavoro è vissuto come un togliere attenzione alla famiglia sia da parte delle donne che da parte della maggioranza degli uomini (ma solo nei riguardi del genere femminile perché per l’uomo “è lavoro”) e forse è questo il motivo per cui i figli arrivano più tardi quando le posizioni  professionali sono meglio consolidate.
 
A dire il vero, in generale, i risultati di questo sondaggio sorprendono moderatamente perché la società italiana è ancora molto più maschilista di quanto voglia sembrare e dico “italiana” perché, almeno in nord Europa e in nord America la situazione è molto diversa … con buona pace di Trump!
Autore: Maddalena Mazzeschi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
Antonella D'isanto
inserito il 09/02/2017

Maddalena cara il tuo interesse e il tuo commento ci fa piacere, ti ringrazio personalmente e a nome della dellegazione dell donne del vino della Toscana. Ero presente alla conferenza stampa di presentazione di questa indagine e, tra i giornalisti presenti, qualcuno ci ha raccomandato di fare attrenzione a non prendere posizioni troppo " di genere"!! Comunque per tornare a noi non più tardi di stamattina, presa una relefonata, mi sento dire: mi passa il titolare! alla mia risposta, mi dica, dall'altro lato del filo mi sento chiedere: ma lei è autorizzata quale referente? Ero al telefono con una gentile signorina che voleva vendere degli spazi pubblicitari su una rivista. I responsabili non l'hanno istruita compiutamente su come rapportarsi, lei, donna, non ha ancora la consapevolezza dei ruoli...a volte anche noi sappiamo farci del male, riflettete donne, riflettete...

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...