Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




GarantitoIGP

08/02/2017
Cascina Zeledria: che bello sciare se lì vai a mangiare!
ingrandisci cascinazeledria.jpg
Sono definitivamente tramontati i bei tempi in cui iniziavo a sciare alle 8 di mattina e, mangiando al volo una barretta di cioccolato o addirittura trangugiando un intero tubetto di maionese (lo so, lo so, mea culpa, mea culpa, mea maionesissima culpa) arrivavo fino alle 17.
 
Oramai le mie residue forze sciatorie devono essere centellinate, il che vuol dire dopo quattro ore al massimo devo mettere le gambe sotto un tavolo per riposarmi e mangiare qualcosa.
Questo qualcosa di solito è una minestra abbinata ad una bottiglietta d’acqua, quindi un menù quasi da malato di stomaco, ma aumentando il cibo in pancia diminuisce esponenzialmente la voglia delle mie gambe di rimettersi a sciare.
 
Ma… (c’è sempre un ma in ogni cosa) se è l’ultimo giorno che sci e poi devi partire, se riesci a sciare fino alle 13.30 e andare a mangiare più tardi e soprattutto se il posto dove vuoi andare  è la Cascina Zeledria, dove hai mangiato da papa due sere prima, allora altro che minestrina!
 
In effetti la cosa è andata proprio così: lo scorso gennaio la prima sera che ero a Madonna di Campiglio mi hanno portato in auto ai quasi 1800 metri della Cascina Zeledria: questa bellissima baita è praticamente sulle piste da sci e di solito ci arrivi con un gatto delle nevi,  ma la sua mancanza (della neve, non del gatto) ci ha fatto arrivare tranquillamente  in auto.
Cena memorabile e così, quando si è trattato di pranzare prima di partire da Campiglio, ho imposto una sosta non da brodino caldo alla Zeledria.
 
Adesso farò soffrire quelli che amano sciare: giornata di sole stupenda, neve perfetta, quasi nessuno sulle piste e io soddisfattissimo di me stesso con un nuovo paio di sci che mi facevano sentire il Thöni de noantri. Dopo aver sciato più a lungo del normale prendiamo la pista Zeledria: normalmente si arriva davanti al rifugio con gli sci mentre al ritorno si viene riportati in pista attaccati ad una fune trainata da cavalli, ma in quei giorni vista la carenza di neve (non di cavalli) c’era un pulmino che faceva avanti-indietro di continuo.
ingrandisci zeledriasala.jpg 
Arriviamo, molliamo gli sci ed entriamo. Veniamo subito accolti dai numerosi e gentilissimi camerieri  che ti accompagnano ad un tavolo ben apparecchiato (tovaglia bianca, sovratovaglia di stile montanaro, tovagliolo di stoffa, posate, piatti e bicchieri adeguati).
Non siamo infatti in un rifugio spartano dotato di self-service, da Zeledria si mangia seduti e serviti come dio comanda.
 
Anche se era un pranzo “non da sciatori” saltiamo l’antipasto: io mi tuffo su un piatto di buonissimi strangolapreti al burro fuso, qualcuno preferisce il ricchissimo orzotto mentre altri vanno sui classici canerderli al burro fuso.
A proposto di burro, Zeledria produce e vende burro e formaggi sia di produzione propria che di altri caseifici trentini e si possono acquistare nello spaccio davanti alla baita. Per questo forse il burro abbonda nei piatti, ma dopo aver sciato cosa volete che siano 50 grammi di burro in più o in meno.
 
E cosa volete che siano 250 grammi di formaggio fuso con dell’ottima polenta (ma veramente ottima!) per colmare la fame rimanente e bere con soddisfazione il buon teroldego della casa. Qualcuno invece opta per la pietra ollare su cui cuocere carni e verdure, mentre altri al posto del formaggio fuso puntano su salsicce e finferli, ferma restando la meravigliosa polenta.
 
Come capite siamo davanti ad una cucina territoriale fatta da ottime materie prime e da una mano rispettosa e molto “sostanziosa”.
 
Abbastanza sostanziosa è anche la carta dei vini, composta quasi essenzialmente da vini trentini di buon livello, ma torno a consigliare, specie per un pranzo “sciatorio”, il teroldego della casa.
zeledriastrangolapreti.jpg 
Alla fine abbiamo speso 35 euro a testa (vino e caffè compresi) e ci siamo alzati belli allegri, pronti per altre tre…forse meglio due…anzi un’ora di sci.
Comunque non ci crederete ma in quell’ora ho sciato da dio, alla faccia della minestrina!
 
 
Ristorante Cascina Zeledria
Località Zeledria
Madonna di Campiglio (Tn)
Tel./Fax 0465 440303
info@zeledria.it
 
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...