Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

14/02/2017
Chianti Classico 2015: quando l’annata reclama la scena
ingrandisci chianticlassico2017.jpg
Dalle Alpi alle Piramidi, dal Manzanarre al Reno: questa è praticamente la distanza tra le ultime due annate di Chianti Classico. Uscendo di metafora ed entrando nella vigna, da una parte pioggia, freddo, problemi di maturazione, dall’altra caldo (forse troppo) uve  mature, in alcuni casi forse troppo.
Logico quindi trovare i Chianti classico 2015 molto diversi da fratelli targati 2014.
 
Ne abbiamo degustati una quarantina (tutti regolarmente imbottigliati) nella prima giornata di Chianti Classico Collection alla Stazione Leopolda.
La solita location perfetta per luce, spazi, temperatura, servizio. Difficile chiedere di più anche se l’inversione del giorno destinato ai buyer e agli appassionati non ci ha permesso di degustare in un silenzio claustrale, poco male.
 
Ma veniamo ai Chianti Classico 2015, mentre della Riserva 2014, della Gran Selezione 2014 e 2013 parleremo in un altro articolo.
ingrandisci chianticlassico.jpg 
Vi ricordate cosa si diceva a settembre-ottobre 2015? A bassa voce, dopo mesi di secco, di (gran) caldo e soprattutto dopo due annate fresche e fredde-piovose, si parlava di grande annata.
Se ne è parlato per un po’ poi qualcuno ha cominciato a mostrare qualche preoccupazione per le fermentazioni che non erano partite o che stentavano, per una maturità forse eccessiva delle uve portate in cantina…insomma la grande annata si è velocemente ridimensionata in una buona ma calda, con tutti i problemi delle annate calde.
 
La riprova l’abbiamo avuta con il nostro assaggio: i 2015 hanno mostrato nasi immediati e piacevoli, con belle note fruttate, molto intense.  Fino a qui tutto bene quindi, ma i  problemi li abbiamo trovati al palato, dove ci sono stati un buon numero di vini che univano freschezza a equilibrio, ma molti di più che mostravano una  cedevolezza di base dovuta ad acidità da…annata calda.
 
L’annata calda ha colpito in maniera semplice, chiara e selettiva, privilegiando i vini nati da vigneti posti ad una certa altezza e “affossando” quelli nati in zone più basse.
Effettuando l’assaggio in maniera palese (per questo non vi parleremo delle singole cantine) e conoscendo un po’ il territorio chiantigiano, ci trovavamo regolarmente a lodare vini da vigneti alti (diciamo sopra ai 300- 350 metri) che mostravano croccante freschezza, tannini vivi ma non amari, bella lunghezza e spesso finezza generale, mentre quelli provenienti da più in basso avevano si un bel naso ma spesso mostravano una rotondità anche piacevole ma fondamentalmente un po’ troppo semplice e senza adeguata persistenza.
ingrandisci chianticlassico2.jpg 
Quindi il 2015 è un annata dove il vigneto ha detto la sua in maniera forte e chiara, presentando vini comunque buoni ma prediligendo quelli nati nelle “alture chiantigiane”.
 
Potete gustare sin da ora i 2015, certi di trovare vini già abbastanza pronti e, in diversi casi, almeno dal punto di vista della piacevolezza, con una marcia in più rispetto alle ultime 3-4 annate.
 


Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...