Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINformo

01/03/2017
La stampa estera a portata di clic:Bourgogne Aujourd’hui, n. 133 - 2017
ingrandisci bourgogne133.jpg
C’è molto Sud  (Côte Chalonnaise e Mâconnais) , nel primo numero dell’anno di questa rivista bimestrale, interamente dedicata alla Borgogna.
Non è un caso: la irrefrenabile ascesa dei prezzi dei cru più prestigiosi della Côte d’Or, facilita la scoperta dei “valori sicuri” delle aree meno famose.
E di fatti il titolo centrale di copertina è appunto rivolto  ai buoni vini “per tutte le borse” di questo inizio 2017.
Gli altri titoli: incontro con Eric Carrière, dal football al vino; i borgognoni dell’anno che è appena passato; il terroir in esame, Mercurey.
 
Dopo l’editoriale  di Tupinier, che racconta questo numero,  seguono, come sempre, le notizie dell’attualità. Il tema più importante è quello del progetto, recentemente approvato, della rete delle  Cités du Vin della Borgogna (Beaune, Chablis e Mâcon).
 
Poi:  la vendita del prestigioso Domaine Bonneau du Martray (Corton-Charlemagne) al miliardario americano Stanley Kroenke, già proprietario di Screaming Eagle,  la bocciatura del lieu-dit Côte-Rôtie dell’AOC Saint-Véran, per l’opposizione dei produttori del Rodano, Pierre Vincent nuovo Direttore generale del Domaine Leflaive (Brice dela Morandière resta  gestore associato).
 
bellelli.jpgI servizi veri e propri di questo numero cominciano  con la lunga intervista a Eric Carrière, già campione di Football, riconvertitosi  al vino: proprietario di vigne nella Valle del Rodano e in Borgogna, ha inaugurato un grande negozio di vino a Dijon, Les Caves Carrière.
L’articolo successivo è un racconto fotografico della celebre Paulée di Meursault che chiude  le Trois Glorieuses, il lunedì seguente alla grande vendita all’asta dei vini degli Hospices de Beaune: a mezzogiorno si chiudono le porte dello Château de Meursault (sede dell’evento) e i produttori aprono le bottiglie portate per l’occasione.  
 
Eccoci giunti alle degustazioni. Si comincia con le appellations del Mâconnais:  naturalmente Pouilly-Fuissé, poi Pouilly-Loché, Pouilly-Vinzelles , Saint-Véran e Viré-Clessé.
Continua l’ascesa  di questi cru, grazie anche ad un’ eccellente annata 2014. Pouilly-Fuissé, il primo e più famoso di essi, festeggia i suoi 80 anni. A celebrarli, anche l’assaggio di due bottiglie straordinarie del 1947 e del 1937.
 
La seconda degustazione è dedicata ai Clos de Vougeot   2012-2014 e alle denominazioni satellite , Vougeot Premier cru e villages 2013 e 2014. Chiude questa sezione quella dedicata a due appellations  del beaunois, tra loro vicine, ma molto differenti: Chorey-lès-Beaune e Savigny-lès-Beaune, delle annate 2014 e 2015. Alla  Guide d’Achat segue un ampio focus sul terroir di Mercurey, nella Côte Chalonnaise: 650 ettari vitati in bianco e , in grande maggioranza (550 ha.), in rosso.
 
La degustazione che segue è articolata tra i diversi crus. Si parte  con gli “assi” , dal monopole La Cailloute a Les Naugues.  Poi i re e infine i valletti. Chiude il servizio la dettagliata carta dei cru e dei suoli del terroir di Mercurey. Nelle pagine che seguono vengono presentati i produttori dell’anno,con i loro vini, e le giovani speranze , tra le quali Charles Magnien.
Si chiude con le migliori bottiglie degustate alla cieca  dalla Redazione nel corso del 2016 (punteggio più alto, 19/20, per un vino del Mâconnais, il Viré-Clessé L’Exception 2013 del Domaine Jean-Pierre Michel) e con i libri.
Autore: Guglielmo Bellelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...