Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINformo

01/02/2017
La stampa estera a portata di clic: Decanter, vol 42, n. 5 - 2017
ingrandisci decanter-february-2017.jpg
“Borgogna 2015: i migliori acquisti di un’annata eccezionale” é il titolo principale della copertina di questo numero, con sullo sfondo l’immagine di tre grandi bottiglie .
 
Altri titoli: Grandi Cabernet californiani,  2013 la migliore annata di sempre?
 
E poi le dieci vacanze Top per gli amanti del vino; Chenin secchi di Loira.
 
Titoli minori (fondo copertina): Kumeu River (Nuova Zelanda); nuovi talenti di Borgogna; vini whole-bunch (a grappoli interi).
 
Apre una foto panoramica a due pagine delle vigne di Elephant Hill, nella Hawke’s Bay, in Nuova Zelanda. Seguono l’editoriale di John Stimpfig (indimenticabile Porto Ne Oublie 1882 di Symington), le notizie del mese (la spinta di Torres  alla viticoltura organic, la caduta delle vendite di Champagne per effetto della Brexit...), le lettere dei lettori, le pagine degli editorialisti di Decanter: Jefford (i benefici di una maggiore coesione per i vini del Sud-Ovest francese), Johnson (sui vini “naturali”), Emma Jenkins (la nuova Zelanda non é un  one-trick pony, ovvero solo Sauvignon blanc).
 
bellelli.jpgIl primo servizio é sulla vendemmia 2015 in Borgogna: secondo alcuni pari alle annate 2005 e 2010, o addirittura la migliore degli ultimi 60 anni.William Kelley e Stephen Brook scelgono i loro migliori assaggi.Le star? Chambertin Clos-de-Bèze Domaine Armand Rousseau ,  Musigny Domaine Jacques-Frédéric Mugnier , Romanée-Conti , tutti con 98/100.Nell’articolo che segue William Kelley presenta i nuovi talenti della viticoltura borgognona: Thomas Pico (Chablis),Maxime Cheurlin (Vosne-Romanée), Pierre Boisson (Meursault), Alexandre Moreau (Chassagne-Montrachet), Gilbert Felettig (Chambolle-Musigny).  
 
La Central Otago é la prima delle dieci mete Top per i viaggi del vino. Seguono Cape Town, Jerez, la Rheingau, la Central Coast californiana, il Douro. E poi Alsazia, Toscana, laghi della Patagonia, Bordeaux. Peter Richards  disegna il profilo di Kumeu River, la Winery fondata dalla famiglia Brajkovich,  emigrata dalla Croazia in Nuova Zelanda 110 anni fa e  presenta i suoi 5 vini-vertice (tutti bianchi: soprattutto Chardonnay). 
 
Simon Woolf parla della vinificazione “whole-bunch”: non solo Beaujolais.
 
Eccoci arrivati ai Panel Tastings della Buying Guide:  Cabernet californiani dell’annata 2013 e Chenin blanc dry della Loira. Tra i primi aprono la degustazione tre Cabernet da 98 punti su 100, poi motissime etcihette outstanding. Tra i secondi molti ottimi vini, tra i 90 e i 94 punti, e un Anjou blanc della regione del Layon che si stacca dal gruppo.Poi: le pagine di Steven Spurrier, i week-day wines (nella lista anche un Prosecco e un Barbaresco: quest’ultimo da 9 sterline, mah!), i ristoranti, le risposte degli esperti (Notes & Queries), con lo Xarello come varietà in evidenza e la grafite tra le note di degustazione da decodificare.Ancora uno sguardo al mercato dei vini e al mondo delle aste, prima di chiudere, come sempre, con il vino-leggenda.
Questa volta é un Bonnes-Mares grand cru, del Domaine Georges Roumier, del 1995.
 
Non é però tutto finito, perché é la volta del supplemento periodico dedicato ai vini italiani: 106 pagine supplementari a colori solo per il nostro paese. I temi trattati: la nuova età dell’oro del vino italiano,  dieci autoctoni da scoprire; il Dolcetto di Dogliani;  Amarone della Valpolicella; i vini del Lago di Garda; il puzzle del Cartizze; i vini alpini (dalla Valle d’Aosta al Piemonte settentrionale,  dalla Valtellina all’Alto Adige); alla scoperta dei vini dell’Emilia Romagna;  sulle colline del Chianti classico; vintage report dei vini della Costa Toscana 2015; i dieci produttori top del Brunello secondo Richard Baudains; il Verdicchio, migliore bianco best-value? Per chiudere: i migliori rossi del Sud; guida alla boutique toscana , il barometro del Barolo (1986-2015).
 
Autore: Guglielmo Bellelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...