Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

15/02/2017
Vernaccia di San Gimignano in Sala Dante: il binocolo girato dalla parte giusta
ingrandisci saladantevernaccia.jpg
“Poi ch’innalzai un poco più le ciglia/vidi ’l maestro di color che sanno/seder tra filosofica famiglia.”
 
Scusate la citazione dantesca ma quando sei seduto in Sala Dante a San Gimignano non puoi fare altro che innalzare le ciglia per ammirare quelle scene che uomini come Lippo Memmi  e Benozzo Gozzoli  (e scusate se è poco) ci hanno lasciato in eredità da 600 anni e passa.
 
Ma le ciglia conviene anche abbassarle e riportarle al livello dei 12 bicchieri che ci aspettano, 6 di Vernaccia di San Gimignano e sei di Clape AOC, la zona francese vicino a Narbona scelta quest’anno per il classico confronto “da Sala Dante”.
Per la prima volta una donna a guidare le danze, la MW Rosemary George, affiancata dai sei produttori di San Gimignano che , parafrasando Dante “sanno seder tra enologica famiglia”.
Naturalmente sto parlando delle sei cantine scelte da Rosemary per rappresentare San Gimignano: cantine che non voglio citare non perché non lo meritino (tanto lo faranno tutti gli altri colleghi) ma perché voglio, in onore di Dante, Lippo e Benozzo, provare ad innalzare un po’ il discorso.
ingrandisci saladante3.jpg 
Ogni anno, appena avvicino al naso le Vernaccia di questa particolare e sempre interessantissima degustazione subisco una specie di “straniamento enoico” e comincio a domandarmi se  i vini che ho nel bicchiere sono gli stessi che, anno dopo anno, degusto per Winesurf.
 
La risposta è si, la risposta è no.
 
Si perché in effetti sono gli stessi vini, no perché sono quegli stessi vini ma con almeno uno, due anni di bottiglia in più. E’ come se quando degustiamo la nuova annata guardassimo i vini usando un binocolo al contrario: li vediamo perfettamente ma non riusciamo a capire la loro reale grandezza. Grandezza che ha bisogno di tempo per esprimersi, tempo che i produttori, i consumatori, i giornalisti, il mercato in genere non concedono a questo vino.
Non concedendogli tempo non permetti al vino di palesarsi per quello che è: cioè un bianco (in molti casi ma non in tutti…) da bere dopo almeno 2-3 anni di invecchiamento.
 
ingrandisci vernaccia1.jpgQuindi la Vernaccia di San Gimignano è un vino succube della “sindrome da Sala Dante” dove lì e solo lì si palesa per quello che realmente è, anzi era.
Era perché oramai i vini che stiamo assaggiando sono fuori dal commercio, sono bottiglie che il mondo intero (produttori in primis) considerano vecchie, superate dalle annate più giovani, anche loro messe in pista alla svelta per portare il pane a casa.
 
Se non si riesce ad uscire da questa spirale ben poco virtuosa credo sia anche inutile organizzare queste belle degustazioni e per questo faccio una proposta.
Le cantine il cui vino viene selezionato dal giornalista di turno per la degustazione, devono garantire che almeno 500 (meglio 1000) bottiglie di quello stesso vino, siano rimaste in cantina e siano pronte per essere vendute, magari con un piccolo adesivo che dica al mondo che quel vino è stato degustato e apprezzato dalla stampa mondiale in Sala Dante.
 
Se non riusciamo a far replicare le sensazioni provate fuori dalla vista della madonna, degli angeli e dei santi dipinti da Lippo, allora la Vernaccia di San Gimignano rimarrà sempre un vino considerato da bere giovane e pagato come un vino giovane.
 
Chiudo ricordando che questa degustazione si è svolta durante l’anteprima della Vernaccia di San Gimignano, dove si poteva anche assaggiare la vendemmia 2016, di cui naturalmente non parlerò.
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...