Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

28/02/2017
Anteprima Sagrantino 2013: si capisce quanta strada è stata fatta
ingrandisci montefalcoconsorzio.jpg
C’è sempre una prima volta anche se in realtà era…una seconda.
 
Vi spiego questa criptica frase, che ho partorito mentre andavo verso Montefalco per l’Anteprima del Sagrantino 2013.
 
In effetti per me era la prima volta all’Anteprima del Sagrantino, ma la vecchiaia incombente mi faceva comunque ricordare che più di venti anni prima, nel 1996, assieme a Maddalena Mazzeschi (grazie al contributo dell’allora Centro Agroalimentare dell’Umbria, di Marco Caprai e all’apporto del consorzio di cui era presidente Filippo Antonelli) avevamo organizzato a Montefalco la prima manifestazione rivolta alla stampa.
 
Venti anni nel mondo del vino moderno possono essere ere geologiche ed in effetti per Montefalco e il Sagrantino lo sono state. Allora c’erano poco più di dieci produttori, di cui alcuni ancora allo stadio di coltivatori diretti.
ingrandisci sagrantinoanteprima2012.jpgGli ettari totali di vigneto non superavano i 250 ( uve bianche, Montefalco e Rosso)e diverse vigne erano ancora allevate con quello che io definivo il sistema “dea Kali”, cioè un doppio cordone bilaterale che portava difficilmente le uve a maturazione, lasciando campo libero a tannicità belluine e spiegando  implicitamente perché il Sagrantino era nato come vino dolce.
 
Dopo vent’anni le cose sono completamente cambiate: le cantine oramai sono una sessantina, solo gli ettari di Sagrantino sono più di 600, la viticoltura di qualità  e l’enologia hanno preso fortemente piede e oggi il territorio, dopo una crisi di crescita verso la metà del decennio scorso, punta in alto.
 
Punta in alto anche con i bianchi, come sottolineato in questo articolo , ma al centro della scena c’è comunque il signor Sagrantino, un vino/vitigno di cui abbiamo parlato recentemente e che con l’annata 2013 sembra abbia superato (speriamo definitivamente) il problema di una tannicità troppo esuberante e spesso mal accompagnata dal legno.
 
Assaggiando una quindicina di vini imbottigliati e altrettanti campioni da botte ho notato come, pur in una vendemmia fresca-fredda e comunque difficile, la componente tannica sia ben presente ma tenda nettamente ad arrotondarsi  (ma non ad ammorbidirsi e a perdere la consueta e tipica grinta) rispetto a tante annate precedenti.
Dal punto di vista aromatico finalmente i legni hanno lasciato il posto ad un frutto forse non favorito dall’annata ma comunque chiaro e delineato.
ingrandisci anteprima-sagrantino.jpg 
In altre parole mi sembra che la vendemmia 2013 del Sagrantino sia stata giocata con intelligenza e, pur non essendo eccezionale, presenti vini che fino a poco tempo fa era molto difficile trovare in zona, cioè bevibili praticamente da subito e (nei limiti del vitigno) armonici.
Una frase su tutte per spiegarmi meglio, detta a mezza voce al collega che avevo accanto “Solo 5-6 anni fa se assaggiavi 30 Sagrantino appena imbottigliati o campioni da botte rischiavi di lasciarci la lingua, oggi non è successo”.
 
Succede invece, all’interno del fitto programma dell’Anteprima, di assistere alla presentazione della mappa del Sagrantino fatta dal Map Man nazionale, alias Alessandro Masnaghetti.
Ascoltarlo mentre presenta il territorio nelle sue sfumature, oltre ad essere un vero piacere, è sempre interessantissimo. Bene ha fatto il consorzio a commissionargli l’opera.
 
E bene ho fatto io a venire a Montefalco e bene fareste voi a provare (magari aspettate qualche mese) un Sagrantino 2013.
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...