Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINviaggio

14/03/2017
Chiamatemi Nebbiolo
ingrandisci chiamateminebbiolo.jpg
Venerdì 3 marzo si è svolto a Verduno, presso la cantina Bel Colle del gruppo Bosio, un’interessante degustazione ideata da Luca Bosio e dedicata a vini a base Nebbiolo.
 
Un momento di studio e riflessione sullo “stato dell’arte” di questo nobile vitigno, con la partecipazione di studiosi, enologi, produttori e stampa. Molti sono stati gli spunti interessanti e molti anche gli argomenti affrontati.
Una giornata uggiosa e nebbiosa, di quelle tipiche in questo periodo e che fanno venire a mente i tanti viaggi in Langa; ricordi che mi riportano a metà degli anni 90’, quando muovevo i primi passi in questo mondo accompagnando l’amico giornalista e gastronomo Salvatore Marchese che stava scrivendo  un libro: “Le Storie di un Re di nome Barolo”.  
 
Ancora oggi è considerato una pietra miliare della bibliografia dedicata al re dei vini italiani, se non altro per il quarto di nobiltà con cui è ricamata la sua storia. Personaggi come Beppe Rinaldi, Giacinto Brovia, Bartolo Mascarello e Teobaldo Capellano hanno segnato indelebilmente il mio incontro con la Langa e i suoi vini. Una Langa da cui manco da troppo tempo ma che finalmente ritrovo,  con questo clima.
 
Cepage o Terroir?
 
ingrandisci chiamateminebbiolo60.jpgQuanto incide il terroir e quando il vitigno nel percorso di qualità del Nebbiolo? Questo argomento ha tenuto banco per buona parte della degustazione.
 
La domanda porta lontano, fino alla storia del suo arrivo in Piemonte, quando era considerato un vitigno minore, tranne che a Gattinara dove ci sono testimonianze che arrivano fino al milleduecento. Poi la luce si spegne fino alla fine del 1800, quando il Nebbiolo delle Langhe (Barolo) si impone prepotentemente sulla scena locale e internazionale. Il perché sia tornato in auge proprio nella Langa è probabilmente spiegato dalla maggior competenza e tecnologia che quelle zone avevano già acquisito rispetto al resto del Piemonte. Competenze e tecniche che hanno tentato di gestire, mai completamente, un vitigno così difficile in vigna e in cantina. E’ un vitigno tardivo ma che cresce in altitudine e anche questo è un paradosso.
La risposta alla domanda comunque è che il suolo e la particolare condizione climatica continentale che vive il Piemonte, difeso e al tempo stesso costretto dall’arco alpino, lo rende unico e ideale  per l’impianto del Nebbiolo.
 
Il problema non risolto
 
E che probabilmente mai si risolverà: il nebbiolo ha una dotazione tannica molto importante e al tempo stesso una dotazione di antociani, le sostanze coloranti, molto povera. Questo paradosso lo rende al contempo un vino molto adatto all’invecchiamento ma contemporaneamente il suo colore lo fa sembrare a volte già vecchio fin dalla nascita. Apparentemente può sembrare che il problema sia un falso problema e sia più nella testa dei produttori o ancora di più nei loro responsabili commerciali. Questa è anche la ragione per la quale il Nebbiolo storicamente veniva sempre stato tagliato con altri vitigni (Barbera in primis).
In realtà l’esperienza odierna ci dice che in molti casi i Nebbioli con dotazione cromatica più povera si rivelano anche quelli che hanno un bagaglio organolettico meno importante.
In un momento in cui il mondo del vino guarda a tecniche sempre meno invasive e ad un ritorno alla naturalità del processo di vinificazione è d’obbligo asserire che il Barolo e i suoi fratelli sono frutto di grandi scoperte e conoscenze scientifiche che hanno permesso di renderlo così come lo conosciamo oggi. La ricerca di un punto di colore meno datato ha dato vita nel tempo a molti tentativi tecnologici ed esperimenti che comunque hanno contribuito ad aumentare la conoscenza sul vitigno.
ingrandisci g.giacomelli.jpg 
E nel resto del mondo?
 
La degustazione ha visto anche in assaggio campioni da Australia, Messico e Stato di Washington: nella maggior parte dei casi i vini sono apparsi completamente snaturati e irriconoscibili: la mano del produttore, i vitigni aggiunti, o il clima, hanno prevalso sulla sua identità per come la conosciamo noi. Il Nebbiolo piantato in altre zone del mondo amplifica la sua già di per sé difficile gestione sia in vigna che in cantina.
 
Lascio Verduno con ancora in mente i più bei ricordi di Langa, di quanto mi sia piaciuto tornarci e di quanto sia stata utile l’immersione nel Nebbiolo. Ringrazio la famiglia Bosio che ha organizzato l’incontro.
Di questi incontri, per il loro livello, per il contributo di conoscenza che offrono e per le esperienze che vengono scambiate, non ce n’è mai abbastanza.
 
 
Autore: Gianpaolo Giacomelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...