Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINformo

16/03/2017
Export vino italiano nel 2016: ottime notizie…o no?
ingrandisci euro.jpg
Arrivano i dati dall’Osservatorio del Vino  sull’export italiano del 2016 e subito giù titoli che grondano allegria e numeri che la giustificano: + 4,3 in valore con 5,6 miliardi di euro di vino venduto all’estero, i vini a denominazione che aumentano del 10,5% . Tutti contenti.
Poi guardi un altro dato estremamente positivo “pure troppo”, cioè l’aumento in percentuale delle vendite di Prosecco del 32% rispetto allo scorso anno e cominci a fare due conti.
 
Due conti penso li abbia fatti anche Antonio Rallo, Presidente dell’Osservatorio del Vino, se a un certo punto si lascia sfuggire una frase del tipo “Il fenomeno Prosecco va sostenuto con ogni mezzo affinché prosegua la brillante corsa iniziata da qualche anno ma non possiamo affidarci solo a questo prodotto per migliorare le performance del vino italiano fuori dai confini nazionali.”
 
proseccozona.jpgInfatti subito dopo si arriva alle dolenti note e cioè che i cosiddetti vini fermi in bottiglia hanno fatto registrare un -4.5%. Tra i vini fermi in bottiglia ci sono sicuramente  i vini di alta gamma, (Barolo, Amarone, Brunello, Chianti Classico tanto per fare qualche nome) che hanno quindi subito uno stop (più nei quantitativi esportati che nel prezzo) e questo stop dovrebbe far ragionare tutti più che innalzare cori di giubilo.
 
Da una parte credo occorrerebbe domandarsi dove sta portando il fenomeno Prosecco, che cresce a ritmi impensabili, proprio visti i numeri già raggiunti. Si arriverà a piantarlo ovunque, senza un minimo di programmazione futura, senza domandarsi cosa accadrà domani?
 
Dall’altra occorre capire come far capire all’estero che il Prosecco è uno dei molti vini italiani, ma è solo il primo passo verso un mondo di prodotti di altissimo livello, quasi sempre più costosi del Prosecco.
Altrimenti si continuerà a dare i numeri e a gioire perché la “Corazzata Prosecco” naviga baldanzosa senza curarsi delle altre mille “navi” della flotta enoica italiana impegnate, nel migliore dei casi, nel mantenere con fatica la scia.
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 2
erik
inserito il 17/03/2017

Carlo, visto il tuo articolo, che ne dici di un Prosecco maremmano ??? magari anche DOCG ! a parte scherzi c'è da preoccuparci!!!!!!! ciao e grazie, Erik

Carlo Macchi
inserito il 17/03/2017

Speriamo non ci tocchi mai di vedere un prosecco fatto in Maremma!

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...

16/03/2017

Export vino italiano nel 2016: ottime notizie…o no?

Arrivano i dati dall’Osservatorio del Vino  sull’export italiano del 2016 e subito giù titoli ...