Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINteressa

19/03/2017
Donne (del) vino e motori
ingrandisci donnedelvinomotori.jpg
L’Associazione Nazionale Le Donne del Vino, nata nel 1988 da un’idea della produttrice toscana Elisabetta Tognana, conta oggi oltre 700 iscritte che rappresentano le varie categorie del mondo vitivinicolo: vignaiole, enologhe, giornaliste, sommelier, degustatrici, tutte attivamente protagoniste di un mondo per anni considerato a torto prettamente maschile.


Molti sono gli eventi organizzati periodicamente per ricordare che i vigneti e le cantine sono spesso “in rosa”, con risultati che niente hanno da invidiare a quelli ottenuti dai colleghi maschi.

Lo scorso 4 Marzo, per la prima volta a livello nazionale, l’associazione ha deciso di promuovere un evento che, in modo diverso e personalizzato, ha coinvolto le donne del vino di dodici regioni italiane e si è svolto in cantine, ristoranti, enoteche e musei, con formule particolari ma tutte a loro modo simpatiche e con successo di pubblico.
ingrandisci donnedelvinomotori1.jpg

Il tema comune era “Donne vino e motori” e ognuna l’ha sviluppato secondo il proprio estro.

 
“Un modo festoso per mostrare il lato femminile del vino italiano”, come lo ha definito la presidente Donatella Cinelli Colombini, che, con qualche giorno di anticipo, ha voluto celebrare la festa della donna, facendo conoscere le aziende “donne”,  mettendo in rilievo i talenti di tante donne impegnate in questo meraviglioso mondo, diffondendo la cultura del vino e il suo consumo responsabile e sfatando pregiudizi ancora, purtroppo, presenti.

ingrandisci tiziana.jpgSi è quindi giocato con l’antico proverbio “donne e motori, gioie e dolori” sostituendo i  dolori con il vino e sottintendendo che i tre mondi danno solo gioia:  una sfida insomma ai luoghi comuni e a chi ancora crede che le donne siano poco adatte ad attività legate alla meccanica ed al vino.


Una delle manifestazioni si è svolta a Volterra alla Pinacoteca comunale, dove Claudia Del Duca dell’azienda Marcampo, tra il busto di Padre Barsanti, inventore con Matteucci del primo motore a combustione interna, alcuni studi realizzati dai due  e  pannelli che ne ricordavano la storia, ha presentato tre dei suoi  vini: Giusto alle Balze (Merlot in purezza), Marcampo (50% Merlot e 50% Sangiovese) e Genuino (Sangiovese 80% e Merlot 20%).
Tanta gente e soprattutto tante donne. Speriamo l’anno prossimo di replichi, naturalmente sia a Volterra sia in tutta Italia


Autore: Tiziana Baldassarri
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...

16/03/2017

Export vino italiano nel 2016: ottime notizie…o no?

Arrivano i dati dall’Osservatorio del Vino  sull’export italiano del 2016 e subito giù titoli ...