Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINchiesta

28/09/2009
Trovata “l’impronta digitale” del vino
ingrandisci maremonterossa013.jpg
Consiglio per i leggenti. Prima di avventurarsi in questo articolo sarebbe meglio leggere “L’ Epifania dello stronzio” (link) di Pierlorenzo Tasselli.
Questo perché nell’altro articolo avrete tutte le informazioni tecniche relative agli studi del professor Conticelli dell’Università di Firenze, mentre qui di seguito cercherò solo di commentare da comune mortale un tipo di analisi semplicemente rivoluzionaria,  che potrebbe veramente dare certezze a consorzi, enti di tutela, repressione frodi, NAS e, non ultimi, i consumatori.

ingrandisci maremonterossa007.jpgIn soldoni questa tecnica di analisi, se sviluppata ulteriormente, riuscirebbe ad individuare  tracce caratteristiche del  terreno (una vera e propria impronta digitale) da cui proviene un’uva o un vino. Questa impronta digitale si ritroverebbe poi  “ pari pari” nel vino finito. Questo permetterebbe di provare, oltre ogni ragionevole dubbio, se in quel Barolo, Brunello, Amarone, tanto per fare tre nomi, vi possano essere uve provenienti da altri territori, magari del sud Italia. Le analisi potrebbero infatti trovare un isotopo tipico del terreno del Vulture, o dell’Abruzzo, o del Salento (ma non della Langa, di Montalcino o della Valpolicella)  che stabilirebbe in maniera incontrovertibile la presenza di un “inciucio”.

Non si potrà dire se in quel Sangiovese c’è del Merlot o del Lagrein, ma si potrà affermare con certezza che una parte di quel vino proviene da un territorio diverso da quello autorizzato dal disciplinare di produzione. Come potete capire la cosa è grossa, talmente grossa che quando il Professor Conticelli  ha presentato lo studio in due convegni importanti, nessuno del mondo del vino è andato a chiedergli chiarimenti.

ingrandisci edta.gifMa ci pensate…. tutto il vino che gira in cisterne per l’Italia (quello illegale ovviamente) potrebbe essere segnalato e riconosciuto con alcune semplici analisi dal costo non certamente proibitivo. Ai Nas basterebbe andare in cantina (o al supermercato) , prelevare una bottiglia di vino e farla analizzare per capire da dove viene il vino che c’è dentro.

Questo, purtroppo, in un futuro non molto vicino. Infatti gli studi del professor Conticelli mancano ancora di una mappa completa degli isotopi/terreni di molte zone d’Italia ed inoltre il sistema di analisi deve essere ulteriormente affinato. Ci sarebbe quindi bisogno di investimenti che, in un mondo del vino che non ha scheletri nell’armadio, potrebbero arrivare da singoli consorzi di tutela,  da Federdoc o addirittura dal Ministero dell’Agricoltura e scusate se mi sono scordato qualcuno.

Secondo voi, quanti milioni di euro riceverà in futuro il professor Conticelli per sviluppare questo progetto? Si accettano scommesse.
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...