Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINchiesta

13/01/2010
Alcol e guida: se mangi si può! Ecco le tabelle.
ingrandisci tabella.jpg
Questo articolo nasce grazie a diversi lettori (che ringrazio) i quali mi hanno inviato  la “Tabella per la stima delle quantità alcoliche che determinano il superamento del tasso alcol emico legale per la guida in stato di ebbrezza.” (vedi a grandezza naturale)

Questa tabella rappresenta la prova provata che le nostre misurazioni empiriche con l’etilometro tascabile (vedi) , non erano peregrine.

Prima di tutto però spieghiamo come è fatta la tabella: questa precisa subito che contiene i “Livelli teorici (non è la Bibbia quindi, ma nessuno ha la verità in tasca) di alcolemia raggiungibili dopo l’assunzione di una unità alcolica” .
Cosa si intende per unità alcolica? Il quantitativo di liquido alcolico, variabile a seconda della tipologia, che uno non deve superare se vuole rimanere sotto il fatidico 0.50 grammi/litro. Variabile a seconda della tipologia dicevamo. Infatti di birra se ne possono bere 330 gr. Di superalcolici 40 gr. E di vino i fatidici 125 grammi.
Nel bicchiere qua sotto vedete versati 125 grammi di vino. Per inciso i 125 grammi della legge non si riferiscono ad un vino con alcol precisato, quindi non sappiamo se si parla di un vino in brick da 10° o di un Primitivo da 16°. Questa cosa è molto importante ed infatti chi ha preparato le tabelle parla chiaramente di vino a 12°.
ingrandisci dose125grammi.jpgMa veniamo alla cosa più importante: la tabella è divisa in due parti. Assunzione di alcolici a stomaco vuoto o a stomaco pieno: le differenze sono sostanziali!!!!

Per esempio, un uomo di 80 chili può assumere a stomaco vuoto oltre 250 grammi ( 0,22 a unità) di vino a 12°.  Questo vuol dire più di due “unità alcoliche” di vino ( molto più dei 125 grammi “ministeriali” riportati in precedenza, che probabilmente si riferiscono ad un vino di gradazione maggiore, anche se la cosa non è molto chiara). A stomaco pieno  invece può  arrivare oltre  tre unità (0,13x3) cioè a più di 400 grammi di vino (quasi il 50% in più). Anche se si parla di una persona abbastanza robusta (ma poi nemmeno tanto) e di vino a 12 gradi, siamo molto lontani dal terroristico “ un bicchiere di vino è il massimo”. Facciamo altri esempi: solo una donna di 45 chili ( un peso piuma)  supera il limite assumendo a digiuno la classica unità di 125 gr. di vino (0,51), mentre a stomaco pieno la stessa persona può arrivare a berne quasi il doppio (0,29 x2) prima di superare lo stesso limite.
Esempio limite il mio, peso dichiarato 100 KG. A digiuno potrei bermi 325 gr di vino a 12° mentre mangiando potrei assumerne quasi 5 volte (0,11 per chi pesa 90 chili), il che mi porterebbe a poter trangugiare (credo proprio sia la parola giusta) più di 600 grammi  di vino, poco meno di una bottiglia bordolese.

Stupiti? Penso proprio di sì, specie se si pensa a tutte le raccomandazioni, a tutte le frasi “Un bicchiere massimo, meglio ancora niente”.

Con questo non voglio istigare alla crapula enologica, ma solo riflettere su un fatto: il consumo intelligente, quello di chi è avvezzo a bere vino solo durante i pasti, seguendo la linea storico-culturale di paesi come Italia e Francia, è stato castrato perché si è voluto dare un messaggio preciso, chiaro e forte, ma solo nella direzione di chi gli alcolici li consuma in maniera dissennata e soprattutto fuori pasto.
ingrandisci doseperuomo100kg-600gr.jpg
Non posso dire che questo sia sbagliato, una sola vita salvata basterebbe a giustificarlo ampiamente, vorrei solo incominciare a togliere alcune fette di prosciutto sugli occhi a tutti i gli amanti del vino che oramai vivono con la psicosi del bicchiere di troppo, permettendogli, cum grano salis, di godersi un bicchiere in più in santa pace. Non mi sto rivolgendo a chi ama solo le peggiori conseguenze dell’alcol, bensì a coloro che hanno un normale rapporto col vino, che lo bevono solo a tavola e che sono stati i più penalizzati da regole studiate per quelli che potremmo definire gli “Ultras” alcolici.

Paragone che calza a pennello: allo stadio, per colpa di pochi esagitati siamo arrivati ai tornelli, alle tessere del tifoso, all’impossibilità di seguire una  trasferta della propria squadra. Nel vino, per cercare (giustamente) di salvare pochi si proibisce ai più un tranquillo consumo equilibrato.

Ultima cosa per i ristoratori: non ho visto un ristorante che esponga questa tabella. Pensate che sarebbe un cattivo servizio reso al cliente?

Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
Guido
inserito il 15/03/2010

Molto interessante ed azzeccato. Per colpa di qualcuno si puniscono tutti...facendogli venire le psicosi. Oramai tutti i ristoratori dicono che nessuno beve più e raccontano storie da incubo su persone condannate a morte per un bicchiere in più!! Unico neo della utile ma complicatissima tabella: non c'è menzione del limite di alcolemia per la guida! Comprensibile, con tutti quei numeri...magari chi ha fatto tale tabella aveva bevuto il famoso bicchiere di troppo! Un altra osservazione sulla tabella stessa: in molti ristoranti ho visto esposta una tabella simile, purtroppo appare talmente complessa che nessun avventore ci perderà quei 10 minuti per capirne il messaggio.. Perché non la semplificano un po', rendendo chiaro il messaggio con alcuni esempi "tipo"? Ovviamente è solo un'idea.. Cordiali saluti a tutti. Guido

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...