Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINchiesta

04/03/2010
Anteprime toscane 2010: ecco i voti!
ingrandisci voti.jpg
E’ giunto il momento, dopo aver ponderato abbastanza a lungo, di dare i promessi voti finali alle quattro anteprime toscane.

Come lo scorso anno scaturiranno da quattro voci:

Logistica (dove viene fatto l’evento: bellezza della location, sua fruibilità, possibilità di raggiungerla facilmente, parcheggi).
Organizzazione generale (reception, organizzazione spostamenti dei giornalisti. Livello e ricettività alberghiera durante l’evento).
Possibilità degustative (spazi a disposizione per degustare, collegamento internet, servizio vini, velocità e precisione del servizio. Facilità di incontro e di degustazione con i produttori).
Gastronomia (qualità dei cibi serviti nei pranzi e nelle cene, comodità di servizio durante i pranzi).

 
San Gimignano

L’organizzazione generale a San Gimignano è sempre di buon livello, come del resto la logistica e la sistemazione alberghiera. Per questo alle prime due voci diamo un 7,5.
Sala Dante non è il posto ideale per degustare (spazi non certo immensi, logica attenzione per la componente artistica del luogo) ma è sicuramente uno dei più belli dove si possa alzare un calice. Inoltre la degustazione a San Gimignano non è comparabile con quella delle altre tre location, perché qui si tratta di assaggiare un numero di vini ristretto. Quindi la media “ragionata tra la bellezza della sala ed il servizio  un po’ “ristretto” porta al 7.
ingrandisci voti1.gifAd abbassare la media ci pensano purtroppo pranzi e cene, dove l’unica cosa che si è salvata è stato il gelato. Quest’ultimo era veramente buono ma il resto era da 4 pieno. Faccio l’esempio del pranzo dopo la degustazione: salumi pseudo-toscani da hard discount e riibollita con pezzi di pane ancora quasi secco, sono due delle chicche. 

Voto finale dopo media puramente matematica, 6.5.


Chianti Classico

Gli alberghi erano adeguati ed anche abbastanza vicini alla Stazione Leopolda, da noi rinominata “Paradiso Leopolda” perché è il luogo perfetto per la degustazione. Spazi, silenzio, luci perfette, un servizio sommelier assolutamente ineccepibile, wireless disponibile, tempi adeguatamente lunghi dedicati solo alla degustazione. Insomma, non diamo 10 solo perché si può e si deve migliorare, ma 9 è quasi punitivo. Seguono a ruota logistica  (anche se spendere, nell’albergo dietro la Stazione Leopolda, 20 euro per connettersi ad internet grida vendetta la cielo) e l’organizzazione generale, entrambi con un bel 8.
Pranzi e cene erano fatti da un catering. “Date al catering quello che è del catering” e quindi un 8 per servizio, mise en place e coreografia della cena di gala ,affiancato da un 5,5 sulla qualità dei piatti serviti. Un commento veloce? Un buon catering, ma sempre catering. Voto finale 7—

Il tutto porta ad una media molto prossima a 8.

Montepulciano

Capiamo che la città è piccola, ma poi non si devono lamentare se la gente mormora.  Dormire a Chianciano è già abbastanza triste ma ancora di più lo è “farcire, anzi rimpinzare”  una piazza meravigliosa come Piazza Grande di un padiglione tensostrutturato bianco, per di più chiamandolo pomposamente “PalaNobile”. L’anno prossimo dovrebbe essere nuovamente agibile la Fortezza, ma intanto questo passa il convento. Se poi passiamo a parlare del servizio il rischio è di mettersi le mani nei capelli (chi può…). Non so chi abbia ideato il servizio a “tramvia” di quest’anno, dove ogni sommelier, armato di due vini(sempre gli stessi), girava con tipologia random per la sala, servendo i fortunati che incocciava sul suo percorso e, purtroppo, non servendo gli sfortunati che il suo giro tagliava fuori. Risultato: molti hanno assaggiato più volte lo stesso vino e mai altri che magari sarebbero anche interessati di più. Voto al servizio 4.
ingrandisci pagella.jpgAlla logistica diamo 6 perché siamo buoni ed all’organizzazione generale non più di 5. Sui pranzi e le cene non ci pronunciamo per mancanza di dati.

Quindi la media è 5.

 
Montalcino

Anche qui il tendone, anche qui il solito refrain che “il paese è piccolo e non ci sono strutture adatte per contenere…”etc. Nel tendone, complice anche il tempo inclemente c’era una confusione da bolgia dantesca. Provate voi a mettere assieme 130 produttori (con accompagnatore) altrettanti giornalisti, una trentina di sommelier ed un bel tot di altri addetti in uno spazio di circa 40 metri per 20 metri e poi immaginatevi il rumore. Meno male che il servizio quest’anno ha abbandonato lo stranissimo “piattone” dove si infilavano 4 calici, che venivano portati assieme (calici e piattoni) come una strana scultura. Il servizio con 6 bicchieri era quasi (ripeto quasi) efficiente come a Firenze. Quindi 7.5 al servizio. L’organizzazione generale era sicuramente oltre la sufficienza (6.5), con la logistica leggermente sotto, sempre tenendo bene a mente la frase “Il paese è piccolo e queste sono le strutture”. Sul cibo non posso dare valutazioni approfondite perché il solo pasto fatto è stato il buffet in piedi del venerdì su cui sarà meglio stendere un velo o un 4.5 pietoso.

Mediamente siamo quindi attorno al 6-6.5

Adesso, per citare qualcuno di molto scomodo, credo sia “giunta l’ora delle decisioni irrevocabili”. Se a Montepulciano, Montalcino ed in parte San Gimignano, non ci sono gli spazi e le strutture adatte, la manifestazione deve essere ripensata e spostata in altra sede. Non si vuole fare un tutt’uno a Firenze? Si crei un polo a Firenze ed uno a Siena dove poter assaggiare in santa pace. Chi vuole andare sul  territorio potrà farlo con i bus che giornalmente proporranno itinerari tra cantine. Chi vorrà rimanere ad assaggiare potrà farlo con la calma ed i tempi che tali vini richiedono. Oramai i giornalisti esteri hanno molte occasioni per visitare la Toscana ma ben poche per farsi un quadro esaustivo dei vini dei grandi territori DOCG. Tra Chianti Classico, Brunello e Nobile in 5 giorni si dovrebbero assaggiare quasi 700-800 vini senza però avere materialmente il tempo, almeno per provarci.

Meditate consorzi, meditate…
 
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 3
Stefano Tesi
inserito il 04/03/2010

Concordo quasi al 100%. Un voto lo darei (ma a questo posso pensarci anch'io) alla sotto ma importante voce di "organizzazione" che risponde a "criterio di invito e selezione dei giornalisti". Voce che, come sappiamo, incide poi parecchio anche sui costi. Devo dire che, rispetto al passato, qualche generico miglioramento c'è stato. E non ne faccio una questione (che pure, sebbene ragionata, andrebbe fatta) di tessera o non tessera, ma di gente che dà/scrive opinioni disinteressate e mercanti, pennivendoli, produttori di pubblicità, creativi del marketing che ancora abbondano e che non vedo che ci facciano mescolati alla stampa. Che vadano alle degustazioni aperte agli addetti ai lavori, no? Voto alla specifica sottovoce: 5.

Daniele Ciampi
inserito il 05/03/2010

Piccolo commento laterale: all'hotel Hilton di Chicago forniscono l'accesso wireless base a internet per 14$ (circa 10 euro) al giorno, e già mi sentivo di classificarli fra i ladri...

Gucci Outlet Online
inserito il 03/03/2012

that certainly not stopped us from contacting each other Coach Shoes. I used to be even given the Mace pepper geljust so I can heighten my very own own protection Cheap Coach Bags. opportunity is likely for being slim for the people wishing to get in the projected period of time of quick expansion Gucci Wallets. Sgt Frantisek was killed in motion in October 1940 Prada Handbags. According to World wide web sources, the gel shoots farther and will impede contamination Burberry Scarf. The attacker might be in an excessive amount pain to run or start a counter-attack Dior Sunglasses. The chance to earnings to the max is large now, but at the same time the window Chanel 2.55. In case you review the prospective fortunes of Budapest with Prague you will see just simply how much room you can find Juicy Couture Sale. Since it arrived with a protection cap Gucci Diaper Bag. it features pretty much inimitable appeal, attraction and opportunity Chanel Bags. ****** It absolutely was my aged faculty roommate who showed me an unfamiliar way for you to define myself Juicy Couture Outlet. As continues to be effectively documented Jimmy Choo Outlet. With The united states remaining reluctant to take part in the war at this time Juicy Couture Uk. The 1st matter that I recognized was that it absolutely was numerous from the normal Mace pepper spray Coach Outlet Store. they would have to return your home leaving the bombers unprotected Prada Bag. It absolutely was my old college roommate who confirmed me an unfamiliar way for you to define myself Coach Outlets. The chance of invasion was around and Churchill spoke on the contribution of Fighter Command inside of a extensively Gucci Wallets. According to World wide web sources, the gel shoots farther and may impede contamination Burberry Scarf. money actual estate traders are acknowledging from properly found and appointed residence Chloe Bags. to global serious estate investors even in advance of the Republic joined the EU Gucci Outlet Online

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...