Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINchiesta

31/01/2011
Alla faccia della filiera corta!
ingrandisci km_zero--400x300.jpg
Sapete cos'è la soccida? Wikipedia la definisce "mezzadria nel settore degli allevamenti"; il dizionario  ne da la seguente descrizione: "contratto associativo con cui il proprietario affida ad altri il proprio bestiame da allevare e custodire con l'obbligo di ripartire gli utili o le perdite a metà".
In pratica esistono due soggetti: il primo  o ssoccidante (in genere un mangimificio del nord Italia, molto più spesso una ditta tedesca, belga o olandese che) consegna maiali appena svezzati al secondo o soccidario (in genere allevatore del nord o del centro Italia) il quale mette manodopera e strutture. Alla fine si dividono i guadagni - cioè gli utili provenienti dalla vendita  degli animali ingrassati - a metà.

Perché vi dico questo e cosa c'è che non va nella soccida?

Ve lo spiego con un esempio pratico: io vivo a Castiglione del Lago, in provincia di Perugia, dove ci sono allevamenti per un totale di circa 45.000 suini. Più o meno l'80% di essi sono in contratto di soccida.
Gli animali, nati in Germania, Olanda o Belgio (nel migliore dei casi "solo" a Reggio Emilia, Modena e zone limitrofe) arrivano da noi in camion non tanto spaziosi e sicuramente piuttosto inquinanti, vengono ingrassati e poi rispediti, sempre con i soliti camion, per essere macellati in Germania, Olanda o Belgio (nel migliore dei casi "solo" a Reggio Emilia, Modena e zone limitrofe).
ingrandisci maiali.jpg
Quanti Km si fanno avanti e indietro questi animali? Avessero la tessera Millemiglia Alitalia potrebbero fare un viaggio gratis, ma invece non ce l'hanno e quindi, dato che dopo la macellazione ovviamente i salumifici  distribuiscono le carni in tutta Italia, in effetti rifanno lo stesso percorso per la terza volta…

Questo sarebbe già sufficiente per parlare a lungo dei concetti ormai sulla bocca di tutti di "filiera corta", “prodotti a km zero”, etc.. Però, a voler essere proprio puntigliosi, potremmo anche proseguire parlando di mangimi e di medicinali. Questi sono forniti, per tutto il periodo dell’ingrasso,  dagli stessi olandesi, belgi e tedeschi, che spediscono i maiali in Italia.
Così, dato che siamo in Europa dove la legge è uguale quasi per tutti, rischiamo pure di trovarci davanti alle note vicende che hanno caratterizzato le cronache dei giorni scorsi sulla presenza di diossina nei maiali allevati in Germania.

Vi pare sufficiente? Invece non lo è perchè c’è un altro grosso problema che gli  allevatori umbri  in soccida (e tutti gli abitanti in zona, vorrei aggiungere) si trovano ad affrontare. La merda (scusate, ma quando ce vo' ce vo'!) resta a carico loro. Si tratta di "rifiuti speciali"  per lo smaltimento dei quali la legislazione (europea ovviamente) prevede tutta una serie di complesse normative la cui giustezza è facile condividere da parte nostra. Gli allevatori ne sono altrettanto convinti... ma solo fino a quando debbono attuarle, poi gli passa.

ingrandisci maddalena.pngMi sono provata, in pubbliche riunioni,  a consigliare un cambio di  direzione: mi è stato risposto che gli allevatori non possono e non vogliono passare dal contratto di soccida all'allevamento non intensivo perchè non ci guadagnerebbero abbastanza.
Questo…forse venti-venticinque anni fa, quando questo tipo di contratto è stato ideato, ha rappresentato la risposta al problema dell'allevamento tradizionale che non dava più guadagni. Gli allevatori impiegarono meno di niente a capire che dovevano cambiare.

Oggi invece attuare un progetto di filiera corta, che sostanzialmente consiste nel macellare e trasformare localmente i capi, producendo carni di qualità e salumi degni della splendida tradizione umbra della norcineria è l'unica risposta possibile per un comparto che altrimenti non ha futuro. Ci sono comuni italiani che hanno finanziato (da soli o con altre strutture pubbliche e con gli allevatori stessi) la realizzazione di questi impianti di trasformazione per dare un futuro agli allevatori.
Siamo proprio sicuri che gli allevatori non capirebbero? Forse non tutti, ma per cominciare ne basterebbe uno.

Sono aperte le iscrizioni!
Autore: Maddalena Mazzeschi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 2
flavio veneroni
inserito il 19/03/2013

veramente incredibile. Ma tant'è! la nostra industria di trasformazione del salame utilizza per l'80% carne di maiale (?) preveninte da ogni angolo. E poi schiaffa il tricolore sull'etichetta. Siamo una colonia!!! Ed è giusto che la merda resti qui.

Cantoni Katia
inserito il 15/09/2013

Se in Italia il suino costa come 30 anni fa è colpa degli allevamenti industriali perchè continnua ad acquistare i suini all'estero che la costa tutto meno. In Emilia dove abito io si fa il prosciutto di Parma ma purtroppo oggi con tutto questo permessivismo le cosce per fare il prosciutto di Parma provengono da tutta italia se va ancora bene. E posso dire che la qualità è molto deludente. I maiali dobbiamo tornare ad allevarceli noi ingrassarli noi e macellarli per poter avere dei prodotti come una volta invidiati da tutti. E' ora di dire basta al continnuo mercato estero che ci sta rovinando tutti.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...